Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Blu Finch

A Neera

L'olmo e la verde sposa
Vedi in florido amplesso accolti e stretti:
Vedi a l'ilice annosa
Attorcersi i corimbi giovinetti.
Deh! Se del roseo braccio
Cosí, bianca Neera, m'avvincessi,
E tra'l soave laccio
Il capo stanco io nel tuo sen ponessi,
Un lungo amore insieme
Giugnendo l'alme ognor, dolcezza mia,
Non altra gioia o speme,
Non altro a desiar lo spirto avria.
Non me non me dal fiore
Del caro labbro, fin di tutte brame,
Svegliar potria sopore,
Non cura di lieo, non dura fame.
Allor noi senza duolo
Il fato colga; innamorati spirti
Noi tragga un legno solo,
Pallido Dite, à suoi secreti mirti.
Di ciel che mai non verna
La ferma ivi berremmo aura sincera,
Sotto i piè nostri eterna
Rinascendo cò fior la primavera.
In tra i nobili eroi
Ivi à ben nati amor vivono ognora
L'eroine onde a noi
Mormora un suon d'esigua fama ancora,
E menan danze, e alterni
Canti giungono al suon d'alterna lira;
E sù germogli eterni
Zefiro senza mutamento spira.
Scherza con l'ôra incerta
Di lauri un bosco; de le aulenti frondi
Sotto l'ombra conserta
Ridon le rose ed i giacinti biondi.
A l'ombre pie d'intorno,
Non da rigidi imperi esercitato,
Sotto il purpureo giorno
Germina splende e olezza il suol beato.
Solinga ombra amorosa
Ivi oblia Saffo la leucadia pietra,
E pur languida posa
La tenue fronte su la dotta cetra.
Siede Tibullo a l'ombra
Ove docil dà colli un rio declina;
E di dolcezza ingombra
I sacri elisii l'armonia latina.
E noi, Neera, il canto
Dè morti udrem; noi sederem trà fiori
De l'asfodelo. Intanto
Mesciamo i dolci e fuggitivi amori.
Vota la poesia: Commenta

    Maggiolata

    Maggio risveglia i nidi,
    maggio risveglia i cuori;
    porta le ortiche e i fiori,
    i serpi e l'usignol.
    Schiamazzano i fanciulli
    in terra, e in ciel li augelli:
    le donne han ne i capelli
    rose, ne gli occhi il sol.
    Tra colli prati e monti
    di fior tutto è una trama:
    canta germoglia ed ama
    l'acqua la terra il ciel.
    E a me germoglia in cuore
    di spine un bel boschetto;
    tre vipere ho nel petto
    e un gufo entro il cervel.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Il bove

      T'amo pio bove; e mite un sentimento
      Di vigore e di pace al cor m'infondi,
      O che solenne come un monumento
      Tu guardi i campi liberi e fecondi,
      O che al giogo inchinandoti contento
      L'agil opra de l'uom grave secondi:
      Ei t'esorta e ti punge, e tu co 'l lento
      Giro dè pazienti occhi rispondi.
      E del grave occhio glauco entro l'austera
      Dolcezza si rispecchia ampio e quieto
      Il divino del pian silenzio verde.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Preludio

        Odio l'usata poesia: concede
        comoda al vulgo i flosci fianchi e senza
        palpiti sotto i consueti amplessi
        stendesi e dorme.
        A me la strofe vigile, balzante
        co 'l plauso e 'l piede ritmico nè cori:
        per l'ala a volo io còlgola, si volge
        ella e repugna. Tal fra le strette d'amator silvano
        torcesi un'evia su 'l nevoso Edone:
        più belli i vezzi del fiorente petto
        saltan compressi,
        e baci e strilli su l'accesa bocca
        mesconsi: ride la marmorea fronte
        al sole, effuse in lunga onda le chiome
        fremono à venti.
        Vota la poesia: Commenta