Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giorgio Musarella

Nato mercoledì 19 maggio 1965 a Reggio Calabria (Italia)

Scritta da: Giorgio SantyManero

Un urlo nella notte

Risate parole leggere
dette fra persone amiche sincere.
Donne calcio lavoro
mai come adesso ti senti uno di loro.
Poi un trillo e ancora un altro
l'adrenalina a mille... si è per noi
uno scatto le facce dure di chi è pronto
in mente si ripercorre il conto...
barella spinale ossigeno collare
e chiedi i codici come un rassicurare
per altri volti altre scene rivisitare.
La sirena a mille
urti barcolli e ti sovviene
l'ansia di non saper fare bene.
Poi la strada l'odore acre
tutto in rovina macerie
alfine un rantolo e un fiume rosso
l'occhio non si abitua ancora adesso.
Mille gesti all'impazzata
poi una calma organizzata
lui è lì docile e indifeso
noi di sopra con tutto il nostro peso.
Ancora un urlo ancora sbalzi
non più parole non più sorrisi
solo la fretta di arrivare.
Noi siamo gli unici a gioire
quando arriviamo in quel posto
perché altri ci tolgono il peso
prendono l'indifeso per poterlo guarire.
Sangue carta plastica, macerie conosciute
ed è leggero poterle pulire.
Risate parole leggere
dette fra persone amiche sincere.
Donne calcio lavoro
ora più di prima ti senti uno di loro.
Composta martedì 17 marzo 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio SantyManero

    Un soffio perduto

    Un tocco leggero
    poi uno strattone
    poi un sorriso sornione.
    Seduttrice o dispettosa?
    Quegli occhi non sono riuscito a leggerli nel profondo
    ho solo buttato uno sguardo in superficie.
    C'era un tempo in cui
    riuscivo a leggerle l'anima
    adesso rimango solo estasiato
    dalla sua bellezza esteriore
    e non riesco a trovare il soffio
    che mi aveva accarezzato il cuore!
    E mesto esco dalla sua vista girando l'angolo,
    sapendo che lei rimarrà di spalle.
    Il mio passo non è leggero
    e nemmeno pesante
    è solo sicuro! Eppure...
    un velo di tristezza continua ancora
    a offuscare il mio cammino!
    Composta sabato 7 marzo 2009
    Vota la poesia: Commenta