Scritta da: 164gio51vi

La felicità

La felicità ch'esso sempre cercò,
In su le membra la fede
E la forza de la speranza posò.

Ed esso infinito spazio percorse,
Nella sua meta,
Il fine del fine supremo pose.

Nelle sue mani non riuscendo a contenerla,
Nello spazio la sapienza
E nel vuoto esso sperse.

Al fine di ricerca, il fine s'accorse
Ch'esso errato era e il fine vero,
Tutt'altro luogo cercando andava.

Nel dolore ch'ad esso parve, la fede
E la speranza esso sparse e la felicità,
In tutt'altro luogo ch'esso cercava, esso trovava.

Nel dolore la felicità,
E il dolore in essa, nulla ch'esso
Non cercando trovasse, cercando trovava.

Inutile nelle non cose e nelle cose
Ricerca vana. E nel passato più vicino
Tra un tumultuoso spasimar di membra si trovava.

Nella felicità, tanta che sapienza nel dolor
V'era ignoranza e fine sapienza e principio
Ignoranza, ad essa il capo essendo volse.
Giorgio Manfrin
Composta domenica 3 luglio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di