Poesie di Giorgio Guccione

Aspirante Architetto, nato domenica 5 novembre 1989 a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio Guccione

Solo, con l'Amore

Quando guardi la luna
Riavvolto nel pensiero
Ma non trovi ragazza alcuna
Procedi nel buio sentiero;
è l'amore,
quella strana sensazione
che inganna il tuo ardore
e abbatte le persone,
che spostano il sentimento
pieno di tormento
e senza paura
distruggono le sue mura.

Le difficoltà della vita sono tante
E pensando di giorno in giorno
Guardi avanti
E t'Incanti.
Giorgio Guccione
Composta mercoledì 11 gennaio 2006
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio Guccione

    Senza Te

    Cammino nella confusione di un mondo strano,
    mi trovo a sentire lamenti
    che vengono da lontano
    e diventano dei tormenti;
    cerco di immaginare un nuovo volto
    con cui confidarmi,
    ma il suo sguardo è, da me distolto
    rifiutando l'istinto di perdonarmi,
    non riesco a vederti
    perché sei un buco nel cuore
    che mi porta a volerti
    e a darti tutto il mio amore;
    ma sono solo
    a chiedermi i possibili perché
    e guardo la mia vita da un buio molo,
    tanto da pensare che ormai sono senza Te.
    Giorgio Guccione
    Composta venerdì 23 giugno 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio Guccione

      Sognando

      Sognando imparerai...
      sognando meno sbaglierai,
      sognando più speranza avrai.
      Scoprirai il vero senso di quel sentimento
      del quale proverai sofferenza,
      ma come un soffio di vento
      la spazzerà via non rimanendo senza;
      in un intenso sonno di emozioni
      riuscirai a viaggiare altrove
      liberando il tuo cuore da tutte le prigioni
      per arrivare, con lui, fino a giove.
      E concentrandoti, nella tua mente,
      penserai che stai solo giocando
      ma vedendo, di fronte a te tanta gente,
      troverai la giusta via da seguire
      e quando avrai finito di dormire,
      affronterai l'amore, sognando...
      Giorgio Guccione
      Composta martedì 19 settembre 2006
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio Guccione

        Ti voglio con me

        Cosa e come farò
        In questo duro e crudele mondo,
        Con tutto fallirò
        E avrò l’aspetto di un vagabondo,
        l’universo è grande
        ed io sono piccolo e insignificante
        ma tu per me sei la cosa più importante;
        quando non mi senti nel cuore
        il mio spirito più deciso muore
        e se ti avrò accanto
        con un tuo gesto d’amore,
        verserò un pianto di gioia
        e non sentirò più dolore.
        Giorgio Guccione
        Composta lunedì 26 dicembre 2005
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di