Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Giorgio Guccione

Aspirante Architetto, nato domenica 5 novembre 1989 a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio Guccione

Ciò che Voglio

È tutto un bel gioco,
c'è chi viene colpito,
a volte può sembrar poco
ma dura anche all'infinito;
sei fiducioso in te stesso
e non riesci a dimostrarlo,
allora ti metti a riflettere spesso
e pensi che non potrai mai superarlo;
è solo una la parola che dà senso alla Vita,
è solo una la persona che ti fa ragionare,
riuscirà a ferirti senza usare la violenza
perché saprà spezzare la tua voglia di Amare.
Ti poni tantissime domande,
cerchi nuove vie da seguire,
e dentro un mondo tanto grande
il tuo animo starà per morire;
ci vuole coraggio,
per raggiungere la libertà interiore;
ci vuole un vero Amore
per vivere un destino migliore;
alla fine può esistere la superstizione,
può esistere anche l'illusione,
ma dovrò affrontare oceani di difficoltà
e avere cascate di volontà
per ottenere quello che desidero;
e con l'aiuto di qualcosa che ho dentro,
darò tutto l'orgoglio;
per Me, Tu, o mio Sogno
sei Ciò che Voglio...
Composta domenica 3 giugno 2007
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio Guccione

    Sempre

    Abbassa lo sguardo,
    alza il tuo pensiero,
    senti il calore,
    è il primo segno sincero
    del tuo atteso traguardo;
    dal profondo del cuore,
    dal bruciore del fuoco,
    incontri l'Amore
    e sembra tutto un gioco;
    sempre ci sarà qualcuno,
    sempre ti darà qualcosa,
    sempre dovrai amare
    ma pensa a non esagerare.
    Leggero come la Vita,
    dolce come un gelato,
    la tua anima sarà sparita
    e il tuo Cuore sarà bucato.
    Non è sempre tutto quello,
    non è sempre così bello,
    non sei sempre così contento,
    non sei sempre così attento;
    ma dal buio di un dubbio tanto grande,
    pensando a ciò che provi nel tuo Mondo,
    ti sentirai un gigante
    e riuscendo a viaggiare su una stella
    capirai davvero quanto lei è Bella...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio Guccione

      Solo tu

      È una piuma che cade,
      è vento sulla pelle,
      è luce di un mondo ribelle,
      è un pensiero che mi invade...
      ci sono muri da abbattere
      e porte da sbattere,
      ma dal richiamo di un tormento
      è troppo quello che sento...
      da dentro so guardare,
      da dentro so respirare,
      ma dallo specchio dell'Anima
      una sola persona voglio Amare;
      bella come non mai,
      è una stella che mi toglie dai guai
      e unica e splendente
      mi fa sentire un vincente;
      inizieremo a volare
      per superare le sofferenze
      e guardando il nostro orizzonte sul mare
      uniremo le nostre differenze...
      Solo una è la nostra Via
      che non ci farà più sentire nostalgia,
      solo uno è il nostro Cuore
      per legarci e immaginarci sul Sole,
      solo uno è il volto che guarderò
      per capire tutto ciò che ti darò,
      ma profondo e sincero,
      intenso e leggero,
      sono solo parole di un Pensiero
      per racchiudere in me, il Mio Amore Vero...
      Composta sabato 2 agosto 2008
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio Guccione

        Solo, con l'Amore

        Quando guardi la luna
        Riavvolto nel pensiero
        Ma non trovi ragazza alcuna
        Procedi nel buio sentiero;
        è l'amore,
        quella strana sensazione
        che inganna il tuo ardore
        e abbatte le persone,
        che spostano il sentimento
        pieno di tormento
        e senza paura
        distruggono le sue mura.

        Le difficoltà della vita sono tante
        E pensando di giorno in giorno
        Guardi avanti
        E t'Incanti.
        Composta mercoledì 11 gennaio 2006
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giorgio Guccione

          Senza Te

          Cammino nella confusione di un mondo strano,
          mi trovo a sentire lamenti
          che vengono da lontano
          e diventano dei tormenti;
          cerco di immaginare un nuovo volto
          con cui confidarmi,
          ma il suo sguardo è, da me distolto
          rifiutando l'istinto di perdonarmi,
          non riesco a vederti
          perché sei un buco nel cuore
          che mi porta a volerti
          e a darti tutto il mio amore;
          ma sono solo
          a chiedermi i possibili perché
          e guardo la mia vita da un buio molo,
          tanto da pensare che ormai sono senza Te.
          Composta venerdì 23 giugno 2006
          Vota la poesia: Commenta