Le migliori poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

Solo per amore

Come farfalla si poserà leggera,
ti darà un bacio.

Alzerà lo sguardo
per specchiarsi nei tuoi occhi,
capire quanto sei sincero.

Dirà  "TI AMO"
quando accarezzerai un bambino che soffre
e chiede di essergli vicino.

"TI VOGLIO BENE"
quando il treno fischierà
e tu non sentirai...

Solo per amore,
accompagnati dal canto degli angeli,
camminerete tra sentieri di luce.
Giorgio De Luca
Composta sabato 1 maggio 2004
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    La paura

    Ho paura della notte,
    del cielo senza stelle,
    delle strade buie
    senza luce della luna.

    Ho paura del vento
    quando urla forte il suo tormento,
    spogliandomi dei segreti nascosti.

    Ho paura del male
    che vuol prendermi l'anima
    e disperderla nel nulla.

    Ho paura del freddo:
    vuole gelarmi il cuore,
    perché più non scaldi
    chi mi è vicino.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Non è poesia quando...

      Non è poesia
      quando una rondine
      canta la primavera
      per le strade di Kabul.

      Non è poesia
      quando il cielo di Bassora
      regala confetti di fuoco
      che sanno di morte.

      Non è poesia
      quando a Nassiriya
      la nostra bandiera
      si colora di sangue.

      Non è poesia...
      Quando la Pace è Guerra,
      non è poesia...
      Giorgio De Luca
      Composta mercoledì 24 marzo 2004
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio De Luca

        Tra poco è natale!

        Arriva silenzioso, dopo il tramonto,
        senza slitta,
        non porta doni nel sacco.

        Sorride ai bambini
        che lo guardano sorpresi,
        incuriositi.

        È vestito di bianco,
        ma la sua pelle è nera.
        Cammina a braccia spalancate
        cantando una canzone sconosciuta...

        Dalle sue mani pendono
        strisce di carta colorata
        con messaggi di speranza...

        Gli occhi brillano di luce
        come stelle...

        Tra poco è Natale,
        un Natale diverso,
        che non conosce amore,
        che conosce odio.

        È un Natale
        che ha voglia di fuggire,
        perdersi tra le strade buie
        del firmamento.

        Ascoltate...
        Lontano mille voci cantano
        la stessa canzone sconosciuta
        dell'uomo vestito di bianco
        con la pelle nera...

        è la canzone della Pace
        che tutti i bambini del mondo
        cantano per la libertà.

        È Natale...
        Nel cielo danzano e s'accendono
        mille stelle d'argento...
        Giorgio De Luca
        Composta martedì 6 dicembre 2005
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di