Le migliori poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

Com'era bella dipinta di maggio

Ascolta degli uccelli il canto
quando primavera di edere e fiori
adorna i colli.

Nell'ombrosa selva ne sentii la voce
tra erbe fresche.

Tra ondeggianti spighe l'aria le sfiora il viso
e il sole, nei suoi baciati occhi,
s'accende d'oro.

Era dipinta di maggio sotto la luna.

Scalza la vidi sui pianori erbosi,
per mano la presi,
a me la strinsi dolcemente.
Giorgio De Luca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    La nuda primavera

    La nuda Primavera
    ha perso il profumo del mandorlo
    in fiore.

    Nell'inquieto silenzio,
    il triste canto della capinera.

    Fischia il vento...

    Orripilanti ombre
    si allungano sul selciato.

    La Mamma:
    il volto segnato dal dolore.

    Il pianto disperato per un figlio
    che non c'è più.
    Giorgio De Luca
    Composta venerdì 23 aprile 1999
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      La giustizia nascosta

      Non vedrà sorgere albe,
      caotiche e intasate vie.

      È partito scocciato, deluso...

      Spera di trovare nella nuova casa
      ciò che non ha avuto,
      non gli han concesso.

      Lascia a noi l'ardito messaggio
      di spazzare via il sudiciume,
      crosta maleodorante della Terra.

      Cercherà un pezzetto di cielo,
      pronto ad osservare ciò che noi faremo,
      che lui sa non avverrà.

      Vedremo questo mondo
      morire un po' alla volta
      e lui ad aspettare,

      aspettare...
      Giorgio De Luca
      Composta sabato 21 settembre 1991
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio De Luca

        Il guardiano del faro

        Naviga
        su agitate acque
        sfidando venti e tempeste.

        Nella casa in riva al mare
        lascia il rimpianto
        dell'amore.

        A quanti,
        come lui,
        soffrono in silenzio,

        vorrebbe raccontare la sua vita
        ed ascoltare quella voce
        che non c'è.
        Giorgio De Luca
        Composta venerdì 10 settembre 1999
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di