Poesie di Gianni Proietti

Impiegato tecnico, nato martedì 24 dicembre 1968 a Terni (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Voliamo insieme

La luce dei tuoi occhi illumina i miei,
la punta del tuo naso spinge sulla mia,
il tuo sorriso si riproduce sulle mie labbra,
il tuo respiro si scambia con il mio,
il tuo seno preme sul mio petto,
le tue braccia si intrecciano con le mie,
le tue mani avvinghiano le mie,
i nostri corpi si cercano,
poi i nostri pensieri si uniscono,
fino a che i nostri desideri ci travolgono,
niente più ci circonda ci siamo solo noi,
ci troviamo sospesi da terra nessuno ci può raggiungere,
voliamo in alto solamente io e te.
Gianni Proietti
Composta mercoledì 30 giugno 2010
Vota la poesia: Commenta

    Colloquio

    Uomo di questa vita non rassegnarti mai,
    cerca anche sé con difficoltà di essere felice;
    si dico con difficoltà, perché devi sopportare mille e mille controversie
    e sé alla fine sarai ancora vivo,
    non sarai felice ugualmente,
    perché non saprai mai quale è il tuo compito in questa vita;
    allora penserai perché vivo?
    Non ti preoccupare perché nessuno ti può rispondere.
    Ti dico una cosa mio caro amico,
    cerca sempre di vivere la vita come un sogno
    ti accorgerai che il momento più tragico è quando il sogno finisce.
    Ricordati che l'uomo ha una mente,
    ma chi comanda l'uomo non è la mente, ma il cuore
    quindi stai attento nella vita a curare il cuore,
    cerca di non farti sfuggire quelle occasioni che possono farti sorridere.
    Ti saluto mio caro amico e spero che tu possa ricordarti di me, ora che ci sono,
    perché così potrai seguire i miei pensieri di adesso.
    Gianni Proietti
    Vota la poesia: Commenta

      Scenario

      La terra è il palcoscenico,
      l'acqua è lo sfondo,
      l'aria è il sipario,
      e noi siamo gli attori.

      Ci crediamo dei grandi...
      Ci crediamo i padroni della scena...
      Pensiamo di poter conquistare la folla, ma...
      ricordiamoci che siamo solo delle comparse
      e abbiamo solo da imparare e provare, provare, provare.

      E allora,
      facciamo attenzione
      a non farci fischiare, insultare e schernire dalla gran folla,
      altrimenti potrebbe calare il sipario.
      Gianni Proietti
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di