Scritta da: Giuseppe Freda

La bovina tragedia

Alfin giugnemmo, per ritorta via,
ove l'oscura insegna si dispiega
della bolgia c'ha nom "Democrazìa".

Lo buon Maestro disse: "Spera e priega,
qui ronfa e russa il popolo sovrano
con sinistro fragor di motosega.

Sta sulla porta Giò Napolitano,
la cui loquela induce al viaggiatore
un sì profondo sonno da divano

che nol risveglian più dal suo torpore
nemmanco la divina potestate,
la somma sapïenza e'l primo amore.

La giù tra l'ombre triste smozzicate
s'ode la mesta nenia del vegliardo.
Qui si parrà la tua nobilitate!".

Io scorsi in quel budello, al primo sguardo,
un omicciuol da'tratti famigliari,
ch'in bolsi motti, di cui avea un migliardo,

cianciava di dilemmi monetari.
Vaghe stelle de l'Orsa, non credea
ch'alle minchiate umane foste impàri!

Farneticava di patria europea,
di bund, di spread, di bot e altra trastulla,
quale il villano che del vin si bea.

E nella notte, nera come il nulla,
risuona la barbosa tiritera
che il volgo rintronato addorme e culla.

Ancor m'assonna ricordar qual era
la solfa sul Welfàre che tutto infesta
salmodiata con blàtera straniera.

Già m'assopiva, come al dì di festa,
quando il mio duca, preso un grosso maglio,
ruppemi l'alto sonno nella testa.

E andamm'oltre, laddove s'ode il raglio
d'orde di teleutenti assomarate
dal bercio dei Santori e dei Travaglio;

e i diavoli, prendendoli a pedate,
li fan volar per l'aere senza stelle
quali colombe dal disìo chiamate.

Ma quei, lividi e pesti sulla pelle
del deretano, plaudono alla suola,
esultano al norcin che li macelle.

E un asino dotato di parola
ragliava scipitezze in voce trista,
sì che pareva un preside di scuola.

"Caduto è alfin il giogo del fascista!
Destati Italia, gongola e sii lieta!
Or c'è al governo un grande economista!".

Mi mosse il suo delirio a tanta pièta
che lo storpiai di calci né coglioni
con la licenza del dolce poeta.

Tale è la teologia di que'montoni,
la cui "Democrazìa", c'han sempre in bocca,
rinuncia volontieri all'elezioni.

Additommi il Maestro un'alta rocca
merlata, che maligna nel colore
muta s'ergea sovra la mandria sciocca.

Stavvi in cima l'eurocrate pastore,
e reca al suo bestiame le nerbate
ch'al cor gentil rempaira sempre amore.

Lì ci appressammo, con larghe falcate,
onde mirar da presso l'abituro
da cui le genti vengon tartassate.

V'era d'intorno un fosso fondo e scuro,
pien di marmaglia dal color marrone,
per ch'io: "Maestro, il fetor lor m'è duro".

"Qui vedi gli empi autor del ribaltone",
disse lo duca, "i sommi traditori,
mutati in sterco assieme a Berluscone.

Putono in questa pozza i suoi rettori,
i ministri, i lacché, il portaborsame,
le donne, i cavalier, l'arme, gli amori".

Ahi serva Italia, putrido reame!
Non donna di province, non bordello,
ma biologica fossa di letame!

Langueva in quel fossato di castello
l'intiera alta genìa parlamentare,
destra, sinistra, centro, questo e quello.

Io chiesi: "Chi è la fetida comare
che sì piangente come donzelletta
tanto gentile e tanto onesta pare?"

Rispuose'l duca a me: "Quella è Brunetta,
che perse il posto; ma il suo piagnisteo
è nulla a petto a quel di Gianni Letta.

Il quale adesso ha fama di babbeo,
d'uom che sì saggio era stimato prima,
ché a suo danno del golpe fu correo".

"O anime fetenti", io chiesi in rima,
"dite qual colpa, pria che'l senno io perda,
in forma d'escrementi vi concima?"

Rispuosero: "Noi siamo la malerba
che vi asservì all'atlantica baldracca.
Uomini fummo ed or siam fatti merda".

Ed un di lor, col lembo della giacca,
s'asciugava dal naso i goccioloni.
Piangeva, e le sue lagrime eran cacca.

Io riconobbi in lui Bobo Maroni
rettor del dicastero di giustizia
che i popoli padani fè terroni;

riscatto prometteva e diè tristizia
d'Umberto la codarda celta prole,
prostrandosi all'allogena milizia.

Olea il suo pianto non proprio di viole,
così volgemmo il guardo alla nimica
rocca, sovra la qual mai approda il sole.

Ci arrampicammo dunque, a gran fatica,
verso l'uom che l'afflitto regno regge
d'in su la vetta della torre antica.

O Musa, or l'intelletto mi sorregge
vacillante, acciocch'io qui racconti
quel ch'agghiacciare può ciascun che legge!

E perché i miei lettori sieno pronti
all'orror che tremando metto in metro
dirò che in cima io vidi Mario Monti.

Io m'attendeva invero un antro tetro,
di stalattiti ticchettanti gocce,
e rospi e pipistrelli sottovetro;

ma s'io avessi le rime aspre e chiocce
discriver non potrei quell'uom dimesso
qual pensionato al circolo di bocce.

Ei sorrideva d'un sorriso fesso,
d'un ghigno lento, come alla moviola,
qual è in banca il brio finto del commesso

ch'ognor rifila obbligazioni-sòla;
e pure, i correntisti son felici
di lasciar vino e prender Coca-Cola.

Ei prometteva cruenti sacrifici
quale un sovrano azteco o un lucumone,
ed i sacrificandi eran suoi amici

e ripeteano in coro: "Bè, ha ragione".
S'io potessi ritrar come assonnaro
li occhi della miserrima legione

di moralisti, cui sognar fu caro,
dianzi al caudillo di cui ho detto sovra,
voi vedreste, oltr'al pupo, anche il puparo,

l'empio poter che i popoli manovra.
Io lo vidi, in quel Duce per procura:
era il Zucconi ch'esce come piovra

a rimbambir gl'intenti alla lettura,
era l'Amaca squallida di Serra
su cui sonnecchia e langue la cultura,

era l'editoriale terra terra
di Feltri, fermo all'era di Togliatti,
era di Gad Lernèr l'urlo di guerra

ch'i teleutenti rende mentecatti;
era il tabloid con Raf nel paginone
e all'interno un'analisi sui fatti

di Libia, con annessa l'opinione
di Maria De Filippi immacolata;
tutto il pattume dell'informazione

ch'allo stranier la strada ha già spianata;
e tutt'intorno un brulicar di vermi
che sanità di mente han divorata,

un demente brillìo di maxischermi
da cui scorrono cruente le parole:
"Vexilla regis prodeunt infermi".

E acclamano gl'infermi a mille gole
il rege finanziario che s'insedia,
acquetati da penne tristanzuole

che da "sviluppo" pingono l'inedia.
Così trascorre il loro più bel giorno.
Poi il triste vespro chiude la Commedia.
Gianluca Freda
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di