Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giangenta

Come un cieco

che chiede perdono al sole
mi tormento per il suo destino.
Trovo gradevole
l'avermi coinvolto
col suo dolore.
Ho cercato di consolarmi
della sua disperazione
occupandomi di lui.
Morso dalla presunzione
dell'esperienza
gli ho regalato
l'illusione
di un esclusiva
inutile protezione.
Se continuo ad alimentare
la mia sincerità
finisco per torturare
la sua desolazione.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giangenta

    Il prossimo giovedì del mese

    Pranzano a prezzo fisso
    secondo le regole del club
    insalata di polpo
    con fiori di zucchine.
    Pranzano a prezzo fisso
    come ogni giovedì del mese
    bianchetti con carciofi
    risotto e gamberoni.
    Abito scuro come richiede il club
    linguine all'astice
    con mousse di pomodoro.
    Serata in beneficenza
    crespelle alle erbette
    ravioli di ricotta.
    Compiangono la miseria altrui
    e pranzano a prezzo fisso
    bevande incluse,
    vermentino, rossese, ormeasco.
    Pranzano a prezzo fisso
    sull'uguaglianza degli uomini.
    Maniacale la loro propensione al buongusto.
    Si nutrono a prezzo fisso
    dell'anima degli umili
    e pretendono per l'ambiente che li accoglie
    un servizio di altissimo livello.
    Non sanno negarsi nulla
    nell'eccitazione del loro protagonismo.
    Il presidente
    onora la tradizione
    glorifica la generosità
    esalta la solidarietà tra simili.
    Interrompe lo chef
    crostata alla Robespierre.
    Compiacimento generale per amore della virtù.
    Arrivederci al prossimo giovedì del mese.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giangenta

      Il vento d'Alassio

      Senza schiuma il respiro.
      Un nastro colorato di sole
      degrada sull'acqua
      ombre di sabbia.
      Senza onde il silenzio.
      Il braccio dell'isola
      allunga sciarpe di vento
      sul mare dei benedettini.
      Senza vele il golfo d'ottobre.
      Senza vasche l'acqua dell'indifferenza.
      Senza fiori il muretto dell'originalità.
      Senza quinte la commedia dei famosi.
      Senza storie il budello di ogni giorno.
      Senza sete il vento d'Alassio
      cerca ancora il riassunto
      di come eravamo in estate.
      Vota la poesia: Commenta