Scritta da: monte catalfano

Un amore disperato

Di un'amor che è nato a caso
Un amore disperato
Un amor che non è un vanto
Amore mio io te lo canto

Anche sapendo che con te non c'è futuro
Non mi arrendo e al destino tengo duro
Combatendo con orgoglio
Perché Anche lui sa quanto ti voglio

Io ti voglio a giorni alterni
Oggi si domani pure
Tra le rime buttate sui quaderni
I pensieri rivolti e per te le mie cure

Io ti penso tutto il giorno
Dio mio quanto ti voglio
Anche se so che finira
Io ti amo più di prima o mia piccola bambina.
Giacomo Sanfilippo
Composta lunedì 24 marzo 2008
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: monte catalfano

    Ti ho conosciuta là

    Ti ho conosciuta la
    oltre i margini dell'esistenza
    all'imbrunire del sole
    quando ancora eri solo l'ombra di te stessa
    ti ho conosciuta la
    dove non era presente nulla
    ma solo la vita
    travolta dell'anima illuminata d'immensità.
    Ti ho conosciuta là
    quando vagavo lungo i giardini della luce
    senza occhi senza orecchie
    ma con il cuore ricoperto di un'immensa di solitudine.
    Ora che non mi ricordo di te la mia anima e pervasa di un'immenso dolore
    che mi fa sprofondare nel buio più totale.
    Giacomo Sanfilippo
    Composta domenica 24 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: monte catalfano

      amore

      Sono un povero uomo ferito dalle tue splendide labra
      Ferito dal tuo sguardo pungente e
      distrutto da i tuoi capelli biondi come il sole e
      pungenti come una mora d'inverno,
      ma la cosa che mi spaventa
      è che non riesco per un'attimo a distogliere il mio sguardo da te
      oh meravigliosa creatura.
      Giacomo Sanfilippo
      Composta giovedì 24 marzo 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: monte catalfano

        A nuatri, nuatri ca viviemu luntanu

        A nuatri, nuatri ca viviemu luntanu
        A nuatri, ca sulu a u pinsieru ni tremano i manu
        Sempri attenti a caminari rittu senza poter sbagliari strata
        Picchi scigliemu na vita ca si sa, si sa che è scunsulata
        Curriennu suli pi sta vita ca fu tinta,
        ca ni costrinciu i picciriddi a farini niesciri ri rintra
        senza nuddu, soli con se stessi tuttu u iorno
        n'attruvamu a testa come rintra un granni forno
        ca ta quaria fino a farittilla squagliari
        e nuatri ni passannu u tiempu a fumari, chianciri e ogni tantu a sturiari.

        a noi, noi che viviamo lontano
        a noi che al solo pensiero (di vivere fuori casa) ci tremano le mani
        sempre attenti a camminare dritti senza mai potere sbagliare strada
        perche abbiamo scelto una vita che si sa che è sconsolata
        correndo da soli per questa vita che è stata cattiva
        che ci ha costretti da bambini a uscire da dentro (casa, paese)
        senza nessuno, soli con se stessi tutto il giorno
        ci siamo trovati la mente come in un grande forno
        che ti riscalda la testa fino a fartela squagliare
        e noi ci passiamo il tempo a fumare piangere e ogni tanto a studiare.
        Giacomo Sanfilippo
        Composta venerdì 8 marzo 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di