Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Lo viso mi fa andare alegramente

Lo viso mi fa andare alegramente,
lo bello viso mi fa rinegare;
lo viso me conforta ispesament[e],
l'adorno viso che mi fa penare.
Lo chiaro viso de la più avenente,
l'adorno viso, riso me fa fare:
di quello viso parlane la gente,
che nullo viso [ a viso ] li po' stare.
Chi vide mai così begli ochi in viso,
né sì amorosi fare li sembianti,
né boca con cotanto dolce riso?
Quand'eo li parlo moroli davanti,
e paremi ch'ì vada in paradiso,
e tegnomi sovrano d'ogn'amante.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Amor è uno desio che ven da core

    Amor è un[o] desio che ven da core
    per abondanza di gran piacimento;
    e li occhi in prima genera[n] l'amore
    e lo core li dà nutricamento.
    Ben è alcuna fiata om amatore
    senza vedere so 'namoramento,
    ma quell'amor che stringe con furore
    da la vista de li occhi à nas[ci]mento.
    Che li occhi rapresenta[n] a lo core
    d'onni cosa che veden bono e rio,
    com'è formata natural[e]mente;
    e lo cor, che di zo è concepitore,
    imagina, e piace quel desio:
    e questo amore regna fra la gente.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Diamante, né smiraldo, né zafino

      Diamante, né smiraldo, né zafino,
      né vernul'altra gema preziosa,
      topazo, né giaquinto, né rubino,
      né l'aritropia, ch'è sì vertudiosa,
      né l'amatisto, né 'l carbonchio fino,
      lo qual è molto risprendente cosa,
      non àno tante belezze in domino
      quant'à in sé la mia donna amorosa.
      E di vertute tutte l'autre avanza,
      e somigliante [ a stella è ] di sprendore,
      co la sua conta e gaia inamoranza,
      e più bell'e[ste] che rosa e che frore.
      Cristo le doni vita ed alegranza,
      e sì l'acresca in gran pregio ed onore.
      Vota la poesia: Commenta