Scritta da: Gerlando Cacciatore

Lu Mafiusu

Si cunta in giru,
ca la me malatia,
è na malatia d'eredità.
Ca è chiddu, di ammazzari
la genti, senza chiediri l'identità.
Ma chi ci pozzu fari,
si di li nervi mi sentu pigliari,
e sulu vidennu sangu,
mi sentu calmari.
Ma poi c'è chiddu,
ca si senti furbu,
e va dicennu in giru,
cosi ca unnavissi a diri.
E iu allura cavissi affari!
Di tutti mi sentu taliari!
e di li nervi mi sentu pigliari!
Sapiti chi vi dicu!
Iu lu vaiu a mazzari.
Si è veru,
ca i portu cu mia,
na cosa ca unnavissi a purtari.
Pirchi è proibita di la polizia.
Ma iu sugnu sicuru,
ca vanzi nun parlati.
Pirchi allura finisci,
lu vantu ca vi purtati.
E sta Sicilia bedda,
pi sempri ruvinati.
Gerlando Cacciatore
Composta mercoledì 11 aprile 1979
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerlando Cacciatore

    Il Buio

    Era buio;
    c'era del buio dentro di me.
    Tanto che, non riuscivo a vedere,
    ciò che la vita di bello ci sa dare.
    Era buio.
    Un buio così fitto,
    da non riuscire a capire,
    ciò che è bello, e ciò che è brutto.
    Era buio.
    Ma come in un sogno,
    svegliandosi, tutto svanisce,
    così quei momenti, che
    rendevano me indifferente,
    svanirono.
    E ritornai a vivere.
    Gerlando Cacciatore
    Composta venerdì 30 novembre 1979
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerlando Cacciatore

      Ipocrisia

      Dopo una lunga corsa,
      ebbi di fronte,
      una palla di fuoco.
      Tentai di superarla.
      Mi ritrovai, completamente
      carbonizzato.
      Allora avrei voluto,
      non averla superata.
      Avrei voluto,
      non aver fatto
      quella lunga corsa.
      Avrei voluto,
      restare inerte.
      Avrei voluto,
      restare fuori da questo mondo.
      Avrei voluto,
      non aver conosciuto una parola:
      Ipocrisia.
      Gerlando Cacciatore
      Composta mercoledì 30 novembre 1977
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di