Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: GENNY CAIAZZO

Non è stata colpa mia

Non ho paura e ti guardo in faccia,
non temo nessuna tua minaccia,
non le puoi pretendere le cose che vuoi,
io sono troppo avanti dove tu non puoi,
perché sei vittima dei tuoi inganni,
perché non cambi e passano gli anni,
non è colpa mia se vado per altre vie,
non appartengo al tuo mondo di bugie,
è un filo sottile quello della pazienza,
dopo si spezza e viene l'indifferenza,
troppe ne ho passate la mia forza è pregare,
Dio mi ha insegnato a vivere e non mollare,
è troppo tardi me ne sono andato via,
sei tu che mi hai voluto perdere non è stata colpa mia.
Composta giovedì 19 marzo 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GENNY CAIAZZO

    Nuovo capitolo

    Un po' di sale su quelle indelebili ferite,
    diventano polvere sensazioni mai capite,
    nel mio percorso stringo nuove mani,
    chi mi ha tradito non c'è nel mio domani,
    nuove pagine nel libro del destino,
    ma resta dentro me una parte di bambino,
    storie strappate senza un perché,
    dopo la mia assenza parlano di me,
    tra rabbie e malinconie affrontano i rimpianti,
    adesso che i miei occhi sono troppo distanti,
    non torno indietro in quel tempo perduto,
    fanno male quelle lacrime che ho vissuto,
    provavo sentimenti puliti e importanti,
    adesso cammino e vado solo avanti,
    al dolore che ho provato non ci penso,
    alcuni finali non hanno proprio senso,
    si sono spezzate potenti catene,
    di chi giurava di volermi bene,
    troppe parole che facevano solo rumore,
    nulla finisce se c'è affetto o vero amore,
    l'ho curato e salvato questo cuore mio,
    lascio chi mi ha ferito e tradito in quell'addio,
    ma in nome di quelle pagine vere e sincere,
    per loro dirò sempre le solite preghiere,
    alcune emozioni non le dimenticherò,
    ma è un altro capitolo della mia vita
    questo e indietro non mi volterò.
    Composta venerdì 7 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GENNY CAIAZZO

      Addio

      Il tempo non sempre può guarire,
      è bastata una foto per farmelo capire,
      mettevo la speranza sopra ad ogni cosa,
      ma muore in una foto vedendo quella sposa,
      quel profumo che sentivo ancora mio,
      sull'altare c'è chi ha preso il posto mio,
      un ultima lacrima che dedico a Dio,
      perché sento nel mio cuore
      l'amarezza di un addio,
      non maledico nulla spero sarai felice,
      di noi resta una foto chiusa dentro
      una cornice.
      Composta mercoledì 2 febbraio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GENNY CAIAZZO

        Sono come tu mi vuoi

        Sono come tu mi vuoi,
        nel silenzio solo noi,
        sono pronto per tacere,
        sarò chi ti può piacere,
        la tua notte desiderata,
        la tua pazzia conclamata,
        sono sorriso e pianto,
        la magia senza rimpianto,
        l'impeccabile sensazione,
        la tua calda emozione,
        sono rabbia e tenerezza,
        uno schiaffo e una carezza,
        quel trofeo per gli eroi,
        il premio per tutti voi,
        sono più di un sentimento,
        ti darò amore e tormento,
        brillo dove tu non puoi,
        per sempre come tu mi vuoi.
        Composta venerdì 27 giugno 2008
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: GENNY CAIAZZO

          Lucifero

          Bello e potente con l'inganno nel sorriso,
          attirato dal male hai lasciato il paradiso,
          le anime pure le vorresti catturare,
          usando il tuo fascino per farle innamorare,
          hai ali grandi e forti e con gli occhi puoi fissare,
          chi perduto nel buio non sa più cosa fare,
          domini nel tuo impero colmo di finti eroi,
          ma sotto questo cielo siamo più forti noi,
          nel silenzio dell'angoscia usi tatto e maniera,
          ma per allontanarti basta una preghiera,
          il male è solamente una sconfitta atroce,
          ti pieghi e sei nulla davanti ad una croce,
          semini spavento e nel tuo regno di dolore,
          dannato sarai sterile innanzi al nostro signore.
          Composta venerdì 1 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta