Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: GENNY CAIAZZO

L'imprevedibile amore

L'amore è vero a volte finisce,
in altri casi ricomincia e stupisce,
viene attaccato dalla tempesta,
un amore va via e un altro resta,
lo strano gioco dei sentimenti,
l'amore che da gioie e tormenti,
cresce col sorriso e col dolore
ma non è mai un errore,
è fondamentale nella vita,
rimane l'essenza
anche quando è finita,
lasci nel cuore ricordi importanti
di un amore vissuto senza rimpianti,
mentre c'è chi cammina
stringendosi le mani
altri amori non hanno un domani,
non bisogna mai disperare
un amore finisce ed
un altro può ricominciare.
Composta domenica 1 maggio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GENNY CAIAZZO

    La fine del mondo

    Non bisogna sottovalutare
    quello che sta succedendo,
    la fine del mondo la
    stiamo già vivendo,
    ogni giorno la terra si divide
    c'è chi prega e chi uccide,
    vittime: donne, anziani
    e tanti bambini,
    e lo stato li lascia
    ai loro destini,
    nel dolore c'è chi
    si sente impotente,
    davanti a chi dovrebbe
    tutelarci ma non fa niente,
    ho visto un angelo che
    mi stava sempre vicino,
    stringere tra le braccia
    un altro bambino,
    lì ho provato un dolore
    atroce e profondo,
    ed ho capito che è
    questa la fine del mondo.
    Composta martedì 8 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GENNY CAIAZZO

      L'invidia

      È un malessere personale
      non colpisce gli altri ma
      a chi la prova fa male,
      è un insoddisfazione un non accettarsi
      vuol dire non piacersi e non stimarsi,
      l'invidia
      uccide la propria autostima
      vittima del voler arrivare prima,
      non dando valore ai contenuti
      si ottengono solo sconfitte e rifiuti,
      è non credere in ciò che fai
      non crescere è migliorare mai,
      è alzare un muro per non passare
      dimostrando che non hai niente da dare,
      l'invidia
      è un profondo scompenso
      sterile e senza alcun senso,
      puntare il dito contro chi ha successo
      è conclamare il fallimento di se stesso,
      c'è posto per tutti rispettali ad uno ad uno
      perché se invidierai non sarai mai nessuno.
      Composta domenica 19 ottobre 1997
      Vota la poesia: Commenta