Scritta da: GENNY CAIAZZO

Che ne sai

Che ne sai...
di quei dolori tatuati
che non si cancelleranno mai,
di quelle lacrime nascoste
delle domande senza risposte,
di un destino prepotente
dove non puoi fare niente,
delle notti dove non si dorme mai
tu... che ne sai,
di un sorriso recitato
quando il cuore è lacerato,
della paura costante
dell'ansia asfissiante,
dell'incertezza del domani
di quando tremano le mani,
della vita che non accetto
di un cuore che scoppia nel petto,
di quello che non dimenticherai
tu... che ne sai,
di tutte le volte che mi sento morire
di chi grida ma non riesce a capire,
di un silenzio pieno di spine
di quegli occhi che vedono la fine,
di quei giorni tutti uguali
nell'essere un angelo senza le ali,
sorrido per non annegare in quel mare di guai
e tu parli... parli... ma che ne sai.
Genny Caiazzo
Composta mercoledì 25 marzo 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GENNY CAIAZZO

    Finzione

    E mentre fingo di stare bene
    ti saluto col solito sorriso,
    torno nel mio angolo a soffrire
    lottando tra l'inferno e il paradiso,
    aspetto la notte per potermi accontentare
    mi porta nei luoghi sicuri dove posso volare,
    ci sono dolori che non vanno più via
    sono tatuati dentro l'anima mia,
    ma un giorno le spezzerò queste catene
    nel frattempo sorrido fingendo di stare bene.
    Genny Caiazzo
    Composta venerdì 19 aprile 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GENNY CAIAZZO

      Non è stata colpa mia

      Non ho paura e ti guardo in faccia,
      non temo nessuna tua minaccia,
      non le puoi pretendere le cose che vuoi,
      io sono troppo avanti dove tu non puoi,
      perché sei vittima dei tuoi inganni,
      perché non cambi e passano gli anni,
      non è colpa mia se vado per altre vie,
      non appartengo al tuo mondo di bugie,
      è un filo sottile quello della pazienza,
      dopo si spezza e viene l'indifferenza,
      troppe ne ho passate la mia forza è pregare,
      Dio mi ha insegnato a vivere e non mollare,
      è troppo tardi me ne sono andato via,
      sei tu che mi hai voluto perdere non è stata colpa mia.
      Genny Caiazzo
      Composta giovedì 19 marzo 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GENNY CAIAZZO

        Papa Francesco

        Trasmette un benessere pazzesco,
        il nostro grande papa Francesco,
        rinunciando al lusso del vaticano
        resta umile e molto umano,
        quel sorriso genuino che si vede
        dona serenità e aumenta la fede,
        illumina i periodi oscuri e brutti
        dando luce nel cuore di tutti,
        viene in mezzo a noi senza protezioni
        regalando pace e benedizioni,
        con coraggio e immensa fede
        conquista il mondo che lo ama e lo crede,
        il papa della porta accanto
        pronto ad asciugare il pianto,
        degno messaggero del signore
        capace di trasmettere vero amore,
        grazie per queste emozioni pure e vere
        sei presenza costante nelle nostre preghiere.
        Genny Caiazzo
        Composta giovedì 4 aprile 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di