Poesie di Gb Chessa

Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: Gb Chessa

E il dolce

E il dolce suicidio pervenne a monte
ali gravide, procedette da ovest
c'era gente impettita
ma io nulla, morii lo stesso, indefesso.

Il dolce suicidio soggiunse lo stesso
esausto delle mie stesse geografie mentali
sovvenne e ravvenne e soggiacette
nonostante una totale assenza di tracce di lirismo.

C'era un vento
era giallo, come di gente che resta,
grottescamente in un'aria di zolfo sinistra,
forse era l'odore delle ceneri, una specie di incenso.

Il dolce suicidio si chiamò con nomi di droghe inauditi
terrificanti zampogne simboliche che tremavano terra al passo.
Eppure il dolore era lì, dentro la gente che rimase,
e il dolce suicidio prese terra e ali e zolfo
ma soprattutto si prese il mio stato anagrafico.

Fui zero, praticamente in una parola fui,
l'unica parola che resta
quando la brezza di due nodi tipica del dopo suicidio
tesa brezza da est, lo segue e cancella il ricordo.

C'era gente gialla, come di gente che resta vento,
esausta delle sue stesse geografie mentali,
che rimase dolore permanente, come in una costante di Bohr.

Era il mio suicidio, eppure appartenne per sempre a quelli che restarono,
nonostante un'assenza apparente di tracce di lirismo.
Io ricordo il pianto di alcuni,
come di bave colanti su zigomi assolti,
come di bave colanti sopra un immacolata tenace assoluzione.

E il dolce suicidio lo chiamavano con parole di Freud,
di Kant e di Moliere, Shakespeare e tante altre salme impettite
solo spettinate dalla nota brezza a due nodi del post-suicidio,
il mio, ma anche di tutti, come un postulato di Bohr.

Rimase il suicidio, ma soprattutto rimasi io,
perché nel frattempo colò un Dio
e divenni eterno
di non so quale pasta eterna,
tipo giallo, con odore di vento, teso, da est, due nodi,
e guardo insieme a tutti gli esimi suicidi la gente che resta
tesa, da est, a spergiurare dentro le proprie nauseanti geografie mentali,
a scongiurare con segni di croce e rosari il proprio suicidio,
tutto, perfettamente, in un apparente assenza di lirismo.
Gb Chessa
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di