Scritta da: Silvana Stremiz
Deh, perché così tardo gli occhi apersi
nel divin, non umano amato volto,
ond'io scorgo, mirando, impresso e scolto
un mar d'alti miracoli e diversi?
Non avrei, lassa, gli occhi indarno aspersi
d'inutil pianto in questo viver stolto,
né l'alma avria, com'ha, poco né molto
di Fortuna o d'Amore onde dolersi.
E sarei forse di sì chiaro grido,
che, mercé de lo stil, ch'indi m'è dato,
risoneria fors'Adria oggi, e 'l suo lido.
Ond'io sol piango il mio tempo passato,
mirando altrove; e forse anche mi fido
di far in parte il foco mio lodato.
Gaspara Stampa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Dura è la stella mia, maggior durezza
    è quella del mio conte: egli mi fugge,
    ì seguo lui; altri per me si strugge,
    ì non posso mirar altra bellezza.
    Odio chi m'ama, ed amo chi mi sprezza:
    verso chi m'è umìle il mio cor rugge,
    e son umìl con chi mia speme adugge;
    a così stranio cibo ho l'alma avezza.
    Egli ognor dà cagione a novo sdegno,
    essi mi cercan dar conforto e pace;
    ì lasso questi, ed a quell'un m'attegno.
    Così ne la tua scola, Amor, si face
    sempre il contrario di quel ch'egli è degno:
    l'umìl si sprezza, e l'empio si compiace.
    Gaspara Stampa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Altri mai foco, stral, prigione o nodo
      sì vivo e acuto, e sì aspra e sì stretto
      non arse, impiagò, tenne e strinse il petto,
      quanto 'l mì ardente, acuto, acerba e sodo.
      Né qual io moro e nasco, e peno e godo,
      mor'altra e nasce, e pena ed ha diletto,
      per fermo e vario e bello e crudo aspetto,
      che 'n voci e 'n carte spesso accuso e lodo.
      Né fûro ad altrui mai le gioie care,
      quanto è a me, quando mi doglio e sfaccio,
      mirando a le mie luci or fosche or chiare.
      Mi dorrà sol, se mi trarrà d'impaccio,
      fin che potrò e viver ed amare,
      lo stral e 'l foco e la prigione e 'l laccio.
      Gaspara Stampa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        Chi vuol conoscer, donne, il mio signore,
        miri un signor di vago e dolce aspetto,
        giovane d'anni e vecchio d'intelletto,
        imagin de la gloria e del valore:
        di pelo biondo, e di vivo colore,
        di persona alta e spazioso petto,
        e finalmente in ogni opra perfetto,
        fuor ch'un poco (oimè lassa! ) empio in amore.
        E chi vuol poi conoscer me, rimiri
        una donna in effetti ed in sembiante
        imagin de la morte e dè martiri,
        un albergo di fé salda e costante,
        una, che, perché pianga, arda e sospiri,
        non fa pietoso il suo crudel amante.
        Gaspara Stampa
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Se così come sono abietta e vile
          donna, posso portar sì alto foco,
          perché non debbo aver almeno un poco
          di ritraggerlo al mondo e vena e stile?
          S'Amor con novo, insolito focile,
          ov'io non potea gir, m'alzò a tal loco,
          perché non può non con usato gioco
          far la pena e la penna in me simìle?
          E, se non può per forza di natura,
          puollo almen per miracolo, che spesso
          vince, trapassa e rompe ogni misura.
          Come ciò sia non posso dir espresso;
          io provo ben che per mia gran ventura
          mi sento il cor di novo stile impresso.
          Gaspara Stampa
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di