Poesie di Gaetano Toffali

Responsabile commerciale - Formatore, nato domenica 24 ottobre 1954 a Verona (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Gaetano Toffali
Scorre leggiadro il vino rosso
mentre Marisa salta il fosso
e nel ristorante suo preferito
prepara leccornie a scottadito
intanto Daniele col grembiulone
prepara il tavolo alle persone
che sono in fila bicchiere in mano
presto versato dal buon Gaetano
venghino gente alla nostra osteria
si mangia si beve sia fa poesia.
Gaetano Toffali
Composta martedì 16 marzo 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gaetano Toffali

    Siamo calamite inverse

    Siamo calamite inverse
    Distanti per volerci bene
    Brilla il cielo di lampi
    Quando ci si guarda noi

    Siamo fragole aperte
    Con nettare al succo
    Da affogarci bocca
    Quand'è il volersi bene

    Ma poi andare a te
    Ma poi venire a me
    è passo invero doppio
    Che non ci parte mai

    Bella
    Tra tutte tu lo sai lo sei
    Uomo
    Decisamente tuo se mi vuoi
    Noi
    Fosse giusto lo sarebbe sempre
    Oggi
    è giorno buono per il nostro fuoco

    Accendi ti prego
    Briciola di fiamma agli occhi
    Pretendi il sale
    Che ti ami fino a piangere di te
    Voglia fenice
    Prendi e dai senza passato
    Rendi al vuoto
    Il barattolo di troppo pieno

    Siamo amanti incalliti
    Nel volerci lasciare
    Siamo cieli spariti
    Fioca luce nel mare
    Siamo dubbio del fatto
    Che ci si ama ancora
    Noi la mesta condanna
    Di un orgogliosa parola.
    Gaetano Toffali
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gaetano Toffali

      Troppe donne stuprate

      Troppe donne stuprate
      Nella mente o nel corpo
      Troppo sangue nel cielo
      Di carezze nessuna

      La bocca chiusa piange
      In un male che sgorga
      Dentro nell'anima
      Dolore per sempre

      Ti amo donna
      Che vuoi volere
      Il tuo diritto
      a non essere sesso

      Ti amo donna
      Che bruci il ricordo
      e sai ripartire
      Sopra il dolore

      Perché ha perso
      l'uomo che prende
      Solo con forza
      e non per un dono

      Perché muore
      l'uomo che vince
      Solo perdendo
      La sua umanità.
      Gaetano Toffali
      Composta mercoledì 24 febbraio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di