Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gabriella Afa

Dimenticare

Un tempo percorrevi la mia anima
con passi lievi...
senza lasciare traccia
la tua lontananza ora
scompare nell'infinito.

Si placa la notte
ai primi chiarori dell'alba
e piegandomi su me stessa
volto le spalle al tempo
chiudendo le orecchie
all'ultimo rintocco del tuo ricordo.
Composta domenica 11 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gabriella Afa

    Crepuscolo

    Si incupisce l'aria
    e un fruscio di foglie
    mi porta a capofitto nei ricordi...
    un brivido nell'anima
    scandisce il dolore
    e sono di nuovo là
    in quel buco nero
    che mi divora.

    Offendo una lacrima
    negandole di uscire
    cerco un sorriso tirato
    che indolenzisce il viso
    e volgo lo sguardo ferito al sole
    per colorare l'anima di arancio dorato.

    I sogni miei,
    facili prede di venti gelidi.
    Si perderà in una stella lontana
    il ricordo sbiadito di attimi di te.
    Composta sabato 3 settembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gabriella Afa

      Tre passi dietro a te

      Sarò con te
      nel vento sul tuo viso
      nel colore del tramonto
      nella spuma del mare
      seguirò la tua anima
      nelle corse e negli affanni
      sarò nel tuo sorriso
      e nelle tue lacrime.

      Invisibili mani
      nicchia del tuo cuore
      sarò con te
      nei tuoi respiri
      nei tuoi sogni
      vivrò di te
      e con te
      ti troverò ovunque
      nello spazio e nel tempo
      riconoscerò le tue orme tra mille
      e sarò amorevole ombra
      tre passi dietro a te.
      Composta domenica 11 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gabriella Afa

        L'albero e la terra

        Tu sei l'albero
        ed io la terra bruna...
        Affonda le tue radici
        dentro di me,
        in profondità
        ed io
        abbracciandoti stretto
        ti tratterrò e ti proteggerò
        dal vento impetuoso
        che si abbatterà sui tuoi lunghi rami.
        Allunga le tue braccia verso il cielo
        e cattura per me il calore del sole
        ed io
        ti sazierò con il mio corpo
        e ti disseterò con l'acqua pura della pioggia.
        Così sarà: giorno dopo giorno
        notte dopo notte
        ancora e ancora
        in un abbraccio eterno,
        immobili nell'infinito
        incuranti delle tempeste e degli affanni del mondo
        per vivere e morire insieme
        l'uno nell'altra, amore mio.
        Composta lunedì 7 marzo 2011
        Vota la poesia: Commenta