Scritta da: Gabriele

Un addio

Vorrei dirtelo, dare voce a ciò che sento
a lacrime che verso mentre penso alla tua lapide,
un dolore immenso blocca ogni mio intento d'espressione,
dire come scacciare il male da dentro
e attraverso il mare dei ricordi perdo me stesso
senza porti dove approdare, mentre la luce lascia i tuoi occhi
è tutto normale, riflussi di sogni e di ciò che rimane,
di ciò che vale scrivere.
Gabriele Cacciatore
Composta giovedì 10 ottobre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di