Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Donatella

Lu sole de Cesi

Lu sole nun sa do va a murì
ma sicuru quanno nasce vene iqquì,
'gni madina guarda 'stu paisittu abbarbicatu
e è tuttu filice d'avellu alluminatu.
Gira pe le vie, bacia la gende
endra drendo le case come gnende,
ariscalla d'un maggicu tepore
tuttu quillu che fa rima co lu core.
A la sera quanno che se spegne:
"M'ariccomanno,
tenemelu d'occhiu fino a dimano
faje la serenata piano piano
e appressu anninnelu e fammelu arpusà
perché lu vojo in forma quanno arvengo a
rispecchià".
Composta martedì 20 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta