Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO

'N guadr'd'autor'

'L più bel guadr d'casa mia è'na finestra,
quella ch'guarda vers "l mar'
e ch'sol sal sol s'colora.
Spess'la mattina'l ciel'è rosa e c (e) lest'
e la sera, a l (e) vant', buta sul turchin'
sa qualch'sbaff d'ross'e d'arancion'.
E anch" l mar fa la part'sua:
s'è calm'è cangiant', tra'l grig (i) e l'azur
e par d'madr (e) perla,
ma quant'è moss'diventa verd',
rigat'da l'ond'ch's'fan'la fuga.
Al largh'l ciel'è ner'da mett'paura
e all'urizzont'sal mar's'cunfond'.
A riva invec (e), la curent'ch'smov'la sabbia
fa'n turbidon'e'ndò l'onda lascia la batigia
su la risacca c (i) arman'na buffa bianca.
Po' vien'la nott'e, sal temp'bon,
anicò s'fa scur'e sil (e) nzios'.
Sul ciel balugina'na stella
e in mar'c'è'l lum'd"na batana
ch'va lenta e leva i rem'
v (i) cin'al s (e) gnal d'ogni nassa.


Il mare, mutevole elemento,
a volte calmo, altre mosso e
burrascoso offre lo spunto
al pittore di riprodurre in tela
i molteplici aspetti...
e chi ha una finestra con vista
al mare può vantarsi di
mostrare un quadro che non
è mai lo stesso e capace di
emozionare ogni volta.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    L'ottimista

    L'Uttimista
    Foss'vera com'c (i) 'arconta
    chi è al guvern'e c (i) cunsola,
    ma la gent'nun è tonta,
    e già pensa ch'è'na fola

    Chi c (i) 'ha sol "l ventisett'
    e duvrà sbarcà'l lunari
    ogg (i) giorn's'pò p (e) rmett'
    giust'quel ch'è n (e) c (e) ssari.

    " 'l mal nostr'è nt la testa
    c'è bisogn'd'uttimism',
    fra dò giorni sarà festa
    e chi l'armedia è'l consumism'."

    'l dic (e) chi c (e) cumanda
    e'l ripet'anch" l giurnal':
    chi po' fa la dumanda
    p'la tess (e) ra pustal'.

    Anch'quel ch'p'natura
    è sempr'stat "n uttimista,
    'n c (i) 'avrà miga paura,
    n'ha da fa la faccia trista!

    Io n'vurria passà da matt'
    s (e) ho cumprat" n t (e) l (e) visor',
    è bel gross'e ultra piatt'
    e adè so anch'io'n d (e) bitor'.

    Ma dal giorn'ch'l'ho acces'
    è tutta'n'antra sinfunia:
    la borsa cala e'l Pil è sces'
    e la finanza è in agunia.

    Dai curagg (ie) uttimisti!,
    si n'avè ancò cumprat',
    quest'è'l temp'di acquisti,
    pagarem'dop'a rat'!

    Chi cummercia fa a fidass',
    c'è la crisi ch'è mundial'
    i up'rai'na mucchia a spass'
    e anch'l'America va mal'.

    C (i) 'arman sol'la sp (e) ranza,
    ch'la migragna n'pò durà,
    s (e) 'l guvern'n'c (e) finanza,
    sol"n sant'la po' curà.

    E po' ho dett'ma mi moi:
    chi sta a galla e chi va sotta,
    'nt st'mond'voi o nun voi,
    chi ha d'avè... lassa ch'fiotta!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      Come un guerriero

      Un giorno deporrò tutte le armi
      per affrontar il viaggio nella mente
      poiché vano sarà il richiamarmi
      dall'aldilà che dura eternamente.

      Se nulla sono stato, or dunque sono,
      anche se poi sarò così com'ero;
      dal mondo partirò senza frastuono
      e di nessun ricordo prigioniero.

      Io ti combatterò fatale sorte
      per l'ombra che proietti sulla vita,
      ma poi le braccia tese saran corte
      e debole la presa delle dita.

      So che l'impeto mio non ti sbaraglia,
      e il gelo annienterà questo calore,
      ma da guerriero ti darò battaglia,
      per contrastar l'oblio da vincitore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Zak

        La quercia è il suo universo
        Zak l'aggredisce freneticamente
        fra le rughe della corteccia
        e non indugia:
        esplora ogni nodo del ramo maestro,
        fin sulla cima, poi torna e si ferma
        sulle zampe a rampino.
        È incessante quel moto vivace
        di mandibole e antenne.
        Quel maschio formica
        distingue gli umori
        di femmine e soldati
        e, con l'acre secreto,
        rimarca i confini.
        Al termine s'erge, come bandiera,
        su un esile stelo
        ninnato dal vento.
        L'albero intanto, ormai ebbro di sole,
        allunga i suoi legni che subito infronda.
        Esita Zak, ha percezione.
        Ripassa il percorso,
        si getta, s'aggrappa,
        poi strappa e sperona
        e dà sotto con lena.
        Si scuote e quel fremito
        sprona lo slancio.
        Va contro i germogli
        ancor teneri e afilli,
        ma è sorpreso da un filo di ragno
        e nell'affanno, un tribolo vano.
        Povero Zak!
        Ora è stretto alle zampe
        e quel viluppo gli sale sul ventre,
        sul torso e sul capo
        finché l'ultimo spasmo
        ci svela un pietoso
        e triste abbandono.
        Vota la poesia: Commenta