Scritta da: FRANCO PATONICO

Come un guerriero

Un giorno deporrò tutte le armi
per affrontar il viaggio nella mente
poiché vano sarà il richiamarmi
dall'aldilà che dura eternamente.

Se nulla sono stato, or dunque sono,
anche se poi sarò così com'ero;
dal mondo partirò senza frastuono
e di nessun ricordo prigioniero.

Io ti combatterò fatale sorte
per l'ombra che proietti sulla vita,
ma poi le braccia tese saran corte
e debole la presa delle dita.

So che l'impeto mio non ti sbaraglia,
e il gelo annienterà questo calore,
ma da guerriero ti darò battaglia,
per contrastar l'oblio da vincitore.
Franco Patonico
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Solitudine

    Son qui, com'è qui l'insetto,
    come il sasso e come il fiore,
    nella quiete di quest'ore,
    son qui solo al mio cospetto.

    Questo cielo ancor sereno
    sarà cupo e turbolento,
    poi spazzato via dal vento
    e squarciato dal baleno.

    Quella valla rappezzata
    è distesa fino al colle,
    ma nel tempo delle zolle
    sarà coltre violentata.

    Tutt'intorno non c'è gente
    testimone al mio sgomento:
    per quel dì che sarò spento
    lascio tutto o forse niente.

    Cedo al mondo i miei difetti
    con le ansie e con le noie
    e a voi cari, le mie gioie
    nello scrigno degli affetti.
    Franco Patonico
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      Filastrocca d'l cuntadin'

      Filastrocca d'l cuntadin'

      Com'tutt'l'matin'
      sve (ggh) ia'l gall'ma l'galin'

      senza arlogg (i) lù sa l'ora
      e dal pular'l'manda fora.

      'L cuntadin's'alza dal lett'
      e'l piccion'vien'giù dal tett';

      anch'la cioccia sgappa prest'
      sa i pulcini dal canestr',

      ma la gatta arman'da sola
      a durmì sopra la rola.

      C (i) 'ha'l vitell''na s (e) ttimana
      e prend''l latt'da la mungana;

      'l maial'par ch'sarnocchia
      e nt'l trocc's'pastrocchia.

      Già scudinzula p'l'ara
      'l cagnulin'ma la v (e) rgara

      e'l sumar'nun c (i) cred'
      ch''l caval'dorm'in pied'.

      C'è'l din don ch'fa la rota
      e nt'la pozza'l pesc (e) nota,

      anch'l'anitra c (e) sguazza,
      l'oca fugg (e) e starnazza.

      La capra zompa dal fienil'
      e ruba l'erba ma'l cunil'.

      Chi n'fa gnent'e chi fatiga,
      'l passarin'pia'na muliga;

      'l rundon'ancò nun vola,
      filastrocca campagnola.
      Franco Patonico
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di