Poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

Tra le tende

Giocando a nascondino
tra gli spigoli del muro
e
la ringhiera del ristretto
terrazzino

ingenuo incuriosito
da sembrar quasi un bambino

ma
spavaldo prepotente
ed
allo stesso tempo
invadente

il vento continuava a giocare
con le tende
e
ad ogni soffio faceva entrare luce
nella stanza
aggrovigliandole
con cura
della porta alla maniglia.

Per
ammirare
te

mia dolce meraviglia.
Franco Mastroianni
Composta martedì 13 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    Quante storie

    Quante storie vorrei scrivere di te
    dei tuoi sguardi
    dei tuoi modi di parlare

    dei tuoi meravigliosi
    piccoli particolari

    dei tuoi occhi
    da cui nasce sempre il sole
    e
    ogni battito di ciglia
    è dolce vento
    che fa dondolare il cuore

    quante storie vorrei scrivere di te
    coricato sopra l'erba
    su un divano o dentro al letto
    o seduto sui gradini delle scale
    stà di fatto
    che
    purtroppo non ho mai
    scritto un racconto.

    Ma ogni volta
    che ti posi su di me
    scriverei
    che mi sento l'orizzonte

    baciato da uno splendido tramonto.
    Franco Mastroianni
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni

      Nuvola verticale

      Sottile impercettibile
      elastica tagliente nuvola verticale
      trasforma un giorno bello
      in temporale

      polvere di silicio
      che compatta lentamente
      opaco vetro
      crea false finestre
      nella mente

      compresse le vedute
      in
      orizzonti d'ignoranza.

      Compatta lentamente nella mente
      il
      muro
      dell'indifferenza.
      Franco Mastroianni
      Composta sabato 3 aprile 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Franco Mastroianni

        L'armonica danza

        Cancelli di morte
        rigonfi di bianca rugiada
        ondeggiano piano
        sorretti da cardini
        di corteccia scura

        nell'armonica danza
        che colora il silenzio
        di madre natura

        non trattengono il vento
        ma ne sfruttano
        il soffio

        miscelando magia
        con lucenti riflessi

        rigonfi di bianca rugiada
        sembran cerchi nell'acqua

        mentre sasso diventa
        fondale di stagno.

        Cancelli di morte
        riflettono

        il potere del ragno.
        Franco Mastroianni
        Composta venerdì 2 aprile 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di