Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

15 Agosto

Ferragosto bendato
ad un occhio

ho tagliato di disco
al lavoro
e
pur avendo gli occhiali
una scheggia
bastarda
entra in me saltellando
come un grosso
ranocchio

il dolor non è stato
un gran che di delirio
e
attrezzato
ho lavato l'azzurro mio occhio
con un po'
di
collirio
ma col tempo il dolore
cambiava

ed allora decido
vado al pronto soccorso.

Sabato 19.30
infermiera mi scusi
ma mi è entrata
una scheggia nell'occhio.

Non ha visto l'orario

vicino allo specchio?

L'oculista non c'è
torni pure domani

noi da soli
non sappiamo nemmeno
dove metter le mani.

Si capisco
ma mi fa male l'occhio

ed
io già pregustavo la notte
con il grosso ranocchio.

Non convinto telefono
ad un'altro ospedale
spiegazione veloce la mia
quasi in
un batter d'occhio

la risposta è la stessa
ma la voce della caposala
è
farcita di dubbio
parla a me con dolcezza
quasi fossi Francesco
e
lei
il lupo di gubbio

si presenti domani
le ricordo però
che domani è festivo
è
il 15 agosto
l'oculista non so se poi
passa di qua
forse sì
se
a
reperibilità

io ringrazio e saluto
e mi dico da solo
sei un gran pacifista
coerente
fai valere la tua dignità.

Notte insonne
per forza.

La mattina seguente
finalmente

cosa ho dentro l'occhio

una scheggia di ferro
che il dottore mi toglie
con molta destrezza.

Io
gli auguro buon ferragosto
ma
trattengo la voglia di dirgli.
Sanità
che
schifezza.

La morale di questo mio scritto
si commenta da sola.

Prima di farti male
guarda
l'ora!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    Le parole artificiali

    Vorrei scrivere un testo
    del tutto artificiale
    con parole complicate
    senza parlar d'amore
    di gioia o di dolore
    ora mi siedo e aspetto
    che
    sopraggiungano
    parole
    ............................................
    ............................................
    .............................................
    ..............................................
    ..............................................
    ..............................................
    ..............................................
    ..............................................
    ..............................................
    ..............................................
    ed
    ecco il risultato
    del mio scrivere artificiale
    non compaiono parole
    ma
    puntini

    ritornerò a parlar d'amore
    di gioia e di dolore

    pensare che ho contato
    fino a 100 ad occhi chiusi
    proprio
    come i bambini.

    Ma ho trovato semplicità
    anche
    nell'allineare dei puntini.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni

      Il tuo parlare

      Il tuo parlare
      è
      ansa di fiume
      dove riposare
      è
      l'ombra delle piante
      dove mi posso
      rilassare
      è
      volo di farfalla
      che mi fa sentir leggero
      è
      l'attimo d'immensa pace
      e
      di silenzio
      celato tra la fine
      e
      l'inizio del respiro
      è
      l'emozione che riveste
      i
      miei pensieri
      tramutandoli in sospiro
      è
      un sol battito d'ali
      che mi porta d'improvviso
      tra le stelle.

      Il tuo parlare
      è
      una carezza
      che ricama d'emozione
      la mia pelle.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Franco Mastroianni

        Un pensiero

        Un
        pensiero ricorrente
        colora la mia mente

        darti un
        appuntamento
        in
        un posto qualunque

        da soli
        o
        tra la gente

        amarti è spazio immenso
        per cui
        va bene tutto

        all'emozione non importa
        se
        il posto è bello o brutto

        se piove o se c'è il sole
        appena lei
        ci sfiora
        tutto prende colore

        ma oggi
        è
        troppo tardi
        facciamo per domani

        mi
        riconoscerai

        confuso tra i colori

        di
        stupendi
        tulipani.
        Vota la poesia: Commenta