Le migliori poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

Come fanno i venti

Vorrei essere come te
senza legami senza attaccamenti
vorrei toccarti e fuggir via come fai tu
come fanno i venti

Senza pensare mai di perdere il momento
per non uscir di casa
con l'ansia che mi rode dentro

Vorrei andare avanti senza mai guardare indietro
vorrei un cuore forte
non delicato come il vetro

Vorrei restarti accanto e vivere una storia infinita
vorrei
ma mi sei già sfuggita dalle dita

Comunque... grazie vita.
Franco Mastroianni
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni
    Di prove durissime è piena la vita,
    di strade contorte di dura fatica,
    ma tra queste cose c'è il sole, la luna, la madre terra, la pioggia che cade e spegne le fiamme di cuori in guerra.
    Il vento che dondola i fiori e le cose,
    l'amore che sboccia, il profumo di rose.
    Il sonno la fame, la rabbia e la sete, le solite prediche di un padre, di un prete.
    Gli amici i nemici, le cose che dici,
    le donne truccate da vip o da attrici.
    Il suono di un treno, un cielo sereno,
    trovar nei tuoi occhi l'arcobaleno.
    Pensieri contorti pensieri sottili,
    amori legati da deboli fili.
    Disegni su carta disegni di vita,
    la mano è la nostra e noi... la matita.
    Di voli tentati pur senza le ali,
    di salti nel vuoto fuggendo dai mali.
    Di sane virtù, di sguardi e carezze,
    di falsi propositi, di debolezze.
    Di giorni di festa, di grida di gioia,
    di chi si trasforma per evader la noia.
    Di chi non trova più spazio sul foglio per scrivere,
    di chi legge le cose che ho scritto, e può pure ridere.
    Franco Mastroianni
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni
      Trattengo gli occhi un po' socchiusi e lascio entrare piano in me le prime sensazioni donate dalla mattina di campagna, facendo scivolar via quel po di notte che ancora in me ristagna.
      I passerotti danzano dall'albero di fronte al nido sotto il tetto, stan ripulendo casa e sistemando la camera da letto, si lanciano in picchiata a prendere le briciole planando nel cortile, attendono nel nido i giovani uccellini il volo di ritorno per gioire.
      Prima che il sole caldo del giorno nuovo arrivi mi lascio accarezzar dal fresco che c'è ancor nell'aria,
      seguendo con lo sguardo il rincasar di una civetta un po' ritardataria.
      Come plotoni di soldati in fila sull'attenti,
      piante di granoturco si sfregan con le foglie come solleticarsi, e sembra che si divertano contenti.
      Poi mi soffermo ad ammirare tutto quel che mi circonda
      tutto è perfetto non c'è una sbavatura,
      quadri stupendi sa offrire la natura.
      Trovandomi coinvolto in questa magica miscela di colori suoni e vibrazioni emanati da bellezza indefinita, sono contento di trovarmi in questo quadro che colora la mia vita,
      sentendomi piccola parte della natura
      continuerò ad amarla senza averne paura, insieme a lei
      assaporarne ogni momento, provando a trasformarmi
      in sole, pianta o vento, tuffarmi nell'arcobaleno per cambiar colore.
      Distratto solo un attimo dal passaggio d'un trattore.
      Franco Mastroianni
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Franco Mastroianni

        Grazie alle emozioni

        Essenze pure di vitalità
        mine vaganti cariche di serenità
        orti dell'anima
        seminati con amore
        zolle di fantasia si riscaldano
        ai raggi del sole
        illese le parole che non conoscono dolore
        ombre festose danzano
        ascoltando vibrazioni
        chiusi gli accessi alle false sensazioni
        il cuore vive... grazie alle emozioni.
        Franco Mastroianni
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Franco Mastroianni

          Ti voglio ricordare

          Ti voglio ricordare
          caro zio in queste poche righe
          ti voglio ricordare
          come il caldo sole di giugno
          che accarezza il grano
          maturandone le spighe

          Conserverò con gelosia
          i mai rifiutati tuoi consigli
          dati con la sincerità di un padre
          che ama i suoi nipoti come figli

          Sprazzi di luce
          illuminano i miei ricordi di ingenuo ragazzino

          Tu seduto dietro al banchetto d'umile artista ciabattino
          figura d'uomo forte
          che sapeva esser bambino

          Ti sei staccato lottando a denti stretti
          lottando contro un male
          che di vivere può togliere la voglia

          Da questa pianta della vita
          hai aspettato il vento giusto
          per staccarti come foglia

          Lasciandoti portare in alto
          verso il cielo
          lasciando a noi il tuo ricordo
          d'onesto uomo vero

          Ciao caro zio... sarai sempre con me
          nel mio pensiero.

          Ciao Nicola.
          Franco Mastroianni
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di