Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

Quel velo di tremore

È affascinante la danza della notte quando con il suo lungo vestito scuro scende a ricoprir città e campagne
cammina sopra i tetti lungo i vicoli le strade
con fare silenzioso
e intona dolci musiche... con le note del riposo

arriva lentamente tenendo sotto braccio il gelo
e dietro se lascia una scia di nebbia
come fosse un velo
entra dalle finestre con la punta dei piedi
e magica si muove nel suo dolce danzare
quasi... non volesse disturbare

i suoi passi di danza rimbalzano
nell'ovattato del dolce sentire
e il giorno è li che aspetta... la guarda
ma fa finta di dormire

burlone il gelo che rigido com'è non sa danzare
chiede l'aiuto della nebbia
ma lei non vede niente... e non lo può aiutare

allora ferma tutto... comincia a raccontare la sua solita favola
le gocce d'acqua conoscono la storia
e quando lui gli strizza l'occhio
magicamente scendendo verso il basso
formano tanti nasi di pinocchio

è affascinante il gioco della notte quando danzando si riabbottona il suo lungo vestito
e porta via con se... quel velo di tremore

il giorno guarda e ride con amore... allarga le sue braccia
rimette a posto i suoi colori

poi resta lì ad aspettare... sa che la notte deve ritornare
lui ne è affascinato... la vorrebbe amare
ma può solo guardare il suo magico modo... di danzare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    Come fanno i venti

    Vorrei essere come te
    senza legami senza attaccamenti
    vorrei toccarti e fuggir via come fai tu
    come fanno i venti

    Senza pensare mai di perdere il momento
    per non uscir di casa
    con l'ansia che mi rode dentro

    Vorrei andare avanti senza mai guardare indietro
    vorrei un cuore forte
    non delicato come il vetro

    Vorrei restarti accanto e vivere una storia infinita
    vorrei
    ma mi sei già sfuggita dalle dita

    Comunque... grazie vita.
    Vota la poesia: Commenta