Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

Quante storie

Quante storie vorrei scrivere di te
dei tuoi sguardi
dei tuoi modi di parlare

dei tuoi meravigliosi
piccoli particolari

dei tuoi occhi
da cui nasce sempre il sole
e
ogni battito di ciglia
è dolce vento
che fa dondolare il cuore

quante storie vorrei scrivere di te
coricato sopra l'erba
su un divano o dentro al letto
o seduto sui gradini delle scale
stà di fatto
che
purtroppo non ho mai
scritto un racconto.

Ma ogni volta
che ti posi su di me
scriverei
che mi sento l'orizzonte

baciato da uno splendido tramonto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    Il ballo del parlare

    Pensieri ancora nudi
    in cerca di vestiti
    da indossare
    per presentarsi al grande ballo
    del parlare

    si affacciano con timidezza
    dalle finestre
    della mente

    ma a volte capita
    che per il troppo sporgersi

    qualcuno sulla lingua
    và a precipitare
    e
    credo nasca da qui
    il modo di dire

    parli senza pensare.
    Composta sabato 5 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni

      Senza vele

      E un'altra volta sono qui
      ad aspettare i venti favorevoli
      per poter sciogliere di nuovo le mie vele
      salire sulla cima dell'albero maestro
      intento a ricercare ancora le tue rive

      non temo le tempeste
      non sfuggo alle burrasche

      questa mia nave è fatta di parole
      le vele sono i fogli
      i remi le matite... timone il cuore

      ma quando i giorni si miscelano
      quando anche il sole è stanco di salutar... la luna
      a poco a poco la mia nave si consuma

      si lacerano i fogli perdendo le parole
      e resto senza vele
      mi aggrappo allora alle matite... di legno
      mi fanno galleggiare... ma questo mare è troppo grande
      sto per annegare...

      ma... mentre vado a fondo sento il tuo dolce respirare
      apro gli occhi e ci sei tu mia dolce isola
      è proprio qui... che volevo naufragare.
      Vota la poesia: Commenta