Questo sito contribuisce alla audience di

A "Rosetta"

Il dolore regna sovrano,
angoscianti ombre a farmi compagnia.
Ombre che si propagano crudeli
e invadono tutto me stesso
e le tenebre si stringono in me.
Voci sussurrano nella notte,
invocano... il tuo nome;
Un urlo acuto squarcia
la quiete della mia mente: "Rosetta".
Lascio volare la mente,
lascio vagare i pensieri.
Suona campana... dai il tuo
dolce canto d'addio, mentre cerco
le mani fredde dei tuoi figli.
Le lacrime amare che tradiscono
il mio dolore cadono
dritte dagli occhi al cuore.
Morte: Ladra di vite giovani e brevi
ti sei cibata del mio dolore
e della mia sofferenza.
Ma tu morte, hai fallito nel tuo intento:
Hai rubato la sua vita,
ma l'hai resa immortale nella mia anima
e nel ricordo vivo della mia mente.
Il mio grido di dolore, solca
le pareti del mio cuore.
Addio mi lasci come ricordo
l'ombra della tua anima.
Porto nel mio gelido cuore
una scintilla di una tenue speranza;
di rivederti un giorno...
quando la grande falce passerà su di me.
Composta nel febbraio 1983
Vota la poesia: Commenta