Scritta da: Francesco Tavanti

Luna

Potrei guardarti per l'intera notte, mentre i canti e i balli in lontananza si affievoliscono. Fra un po' rimarremo io e te, al suono di qualche cicala, con la paura atavica di qualche strano animale. Ma l'erba alta, ormai secca, mossa da una leggera brezza di vento, non ammette intrusioni improvvise. Sento quasi freddo, indosso una maglia, il tepore dal terreno mi fa pensare al giorno passato, mi addormento.
Francesco Tavanti
Composta nel giugno 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di