Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: mitech

Di me

Fuggo dai pianti inseguendo sorrisi
di loro si nutrono i miei giorni recisi
è loro che amo, che soffro e respingo
e in questa simbiosi ci ingoia il mio istinto
per loro da ponte farò per sempre
collego due mondi passato e presente
funambolo estremo su un filo mortale
senza di me il suo equilibrio non vale
tutto cadrebbe nell'oblio di quest'attimo
il bene la notte son certo che scappino
non credo nel dolce senza l'amaro
in un lieto fine senza uno sparo
assaggio di tutto e di tutto mi nutro
del bacio sul collo ed in faccia lo sputo
non cambierò mai, malato e fuggente
cercando del suono in una cabina silente.
Composta mercoledì 23 maggio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: mitech

    Volto

    Volto di fragola
    mia autofiorente
    sei come mandragola
    ricchezza d'oriente
    dalla pelle soave
    che provoca inerzia
    damasco di siria
    alcaloide di persia
    da sola m'accechi
    il mio cuore ne langue
    proibita e preziosa
    diamante di sangue
    ti sfioro e divoro
    ogni giorno passato
    presente e futuro
    qui nulla è cambiato
    esente dal tempo
    il tuo sguardo inebriante
    in cui Bacco si perde
    ogni singolo istante
    e se l'attimo fugge
    e diventa distante
    in te mi abbandono
    come un naufrago a zante.
    Composta mercoledì 23 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta