Auguri a lume di candela

In ogni tua ricorrenza,
buon onomastico,
la mente m'impegni
anche se mai ti degni
neanche di un grazie.
Ti regalai una pianta,
non era un fiore,
e tanto t'irritasti,
ti dedicai poesie,
eran d'amor platonico
e ancor più ti turbasti,
ricorsi poi ad un bacio
ma era solo un cioccolatino.
Senza più risorse adesso
vivo nella speranza
di una cena a lume di candela
sperando che non diventi un cero
per la mia vetusta età.
Comunque vadano le cose,
se si ama per sempre si vive,
per atroce condanna diventerai,
ahimè, la mia eterna compagna
e non mi resta che dirti...
preparati a soffrire!
Francesco Andrea Maiello
Vota la poesia: Commenta

    Il dolce appeal

    Ti spoglierò degli anni
    e nonostante il tempo,
    buon compleanno,
    resterai per sempre
    l'icona del dolce appeal
    per il tuo compiacente sorriso
    sulle orme di Beatrice
    anche se, sulle forme di Laura,
    le tue leggiadre movenze
    mi riportano al fascino
    del tuo conturbante sex appeal.
    E nelle turbe di tanto desio
    la mente sbotta in poesia
    mentre l'anima mi rimbrotta
    di afferrarti finalmente
    per fermare il tempo,
    di denudarti degli anni
    per spogliarti veramente e...
    di non scrivere più solo poesie!
    Francesco Andrea Maiello
    Vota la poesia: Commenta

      La pena capitale

      In tua dolce compagnia
      è bello naufragare
      ma lassù per l'universo
      siam giunti alla deriva
      di un pianeta, ahimè, deserto e,
      senza cinguettio di uccelli
      né sibilo di vento
      manca pure la natura
      col profumo e i suoi colori,
      non c'è niente da poetar.
      E quassù da soli adesso,
      non ci si può manco toccar,
      l'eternità del tempo,
      nostra pena capitale,
      sarà dura da scontare
      per aver turbato le menti
      e tediato finanche i cuori,
      tu in veste di donna fatale
      ed io con l'ardire del poeta.
      Francesco Andrea Maiello
      Vota la poesia: Commenta

        Il gioco fatale

        Quando i giochi vanno male
        io ripiego sulla morale,
        sarà pure per disegno fatale
        ma per l'esito letale
        divento ancor di più
        un misero mortale.
        Sono un giocatore nato
        perdente sol per fato
        ma ancor non mi raccapezzo
        se gli occhi addosso
        me li mettono quaggiù
        mi vengono di lassù
        o sono del solito belzebù.
        Con un poker di re servito
        una donna d'incastro...
        tutta nera di picche,
        di certo per ripicca,
        con una scala reale
        mi mandò gambe all'aria.
        Al tredici miliardario,
        ci pensò, invece,
        un uomo in giacca nera
        e con un gol fuori orario
        mi azzerò l'onorario.
        Ripiegai sul totogol,
        sui gol a grappoli
        ma per disegno divino
        il fatal destino
        mi sfilò il bottino...
        era l'unico otto
        ma l'ineluttabile sorte
        mi rifilò un fagotto
        e mi fece il cappotto.
        Adesso, di giochi in gioghi,
        la roulette insolvente,
        il blak jack insolente
        e la bolletta perdente
        mi fanno uscir di mente
        ma, per mia gran fortuna,
        l'anima mi richiama
        ed è la sua ispirata scrittura
        che infin mi rianima.
        Francesco Andrea Maiello
        Vota la poesia: Commenta

          La natura dell'amore

          Al vivido tepore
          dei raggi del sole
          si risveglia la natura
          in tutto il suo splendore,
          gli alberi sono in fiore
          e sul verde dei prati
          variopinti colori
          con una farfalla che vola
          di fiore in fiore.
          È già primavera
          e al profumo dei cuori
          risorge l'amore
          secondo il disegno
          di nostro Signore,
          sempre più offeso
          da assurde pretese
          che riducono la vita
          a un vero mercimonio
          senza il sigillo del matrimonio.
          E la maternità surrogata,
          davvero tanto involuta
          perché arreca offesa
          all'anima del nascituro,
          concepisce da qui
          lo squallore della vita.
          Francesco Andrea Maiello
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di