Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Francesca Genna

Impiegata, nato venerdì 26 maggio 1967 a Trapani (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Fragolosa67

Poesia d'amore

Pelle ruvida che si perde in carne di seta
che vibra al suono della terra.
Terremoto di sensi,
esplosione di lava che scivola a valle
dove l'erba è più verde.

Lì, sotto le colline profumate di rose selvatiche
che confondono l'esploratore più audace,
non vedo i tuoi occhi languire
ma persi in meandri infiniti
dove non v'è spazio né tempo, né confini.
Composta mercoledì 27 marzo 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fragolosa67

    Primavera

    Odo un canto soave che nasce dal cuore,
    lo sentono i passeri e covano
    uova di pulcini che sgranano gli occhi e
    rompono gusci di un mondo
    dipinto dal fato o da donne che stendono i panni
    asciugati  dal vento in lacci
    di frivole occhiate e languidi sguardi.

    Vestono colori di fresco mattino bagnati di pioggia
    che fà crescere il grano dove la terra è spoglia
    fra profumi di fiori fioriti  pieni di spine.

    Sorridono a sorrisi di giovani in groppa a  
    giumente che corrono in prati assolati
    e bevono in laghi non più ghiacciati.

    E' primavera, facciamo festa!
    Composta sabato 23 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fragolosa67

      Ti amo

      Padrona del tuo cuore
      insieme clandestini,
      ladri di squarci di tempo rubato agli errori passati
      viviamo attimi che non ci appartengono.
      No, non posso amarti eppur ci sono.

      Il futuro con te utopia o chimera?
      Che importa oggi che,
      la passione avvince e copre gli occhi!

      Incoscienti e spensierati costruiamo castelli di sabbia
      che si frantumano con le prime piogge.
      Domani, forse domani...
      sarò Signora...
      ti amo e non m'importa.

      Ora l'amor tuo per me
      è come gocce di rugiada al mattino sulle foglie.
      È come il pane caldo
      appena sfornato che ti inebria
      ancor prima d'esser mangiato.

      L'amor tuo mi pasce e mi disseta
      mi colma e mi sostiene
      Ti amo e questo conta.
      Composta domenica 16 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta