Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Francesca Ceschi Berrini

Studentessa, nato giovedì 27 luglio 1995 a padova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Diario.

Scritta da: ~Celeste~

In letargo vorrei

In letargo vorrei
viver ed aver vissuto
ogni freddo, ogni buio
dell'inverno che in cuor mio sta.

Rannicchiato in un luogo solo,
e dormiente nel vuoto silenzio,
sospeso nel nulla infinito,
che tanta quiete reca all'anima.

In letargo vorrei
stare ed esser stato,
ma i tormenti mi tengon legato
alla triste catena del mondo.

Cade la neve,
e i sogni con lei.
Si chiudono gli occhi,
e il cuore con essi.

In letargo vorrei
nascondermi dal reale
e starmene in pace,
in un lontano pianeta.
Composta sabato 26 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ~Celeste~

    Oltremare

    C'era una volta un marinaio
    che remava oltremare.
    Con le sue braccia d'acciaio
    nulla lo poteva fermare.

    Nella quiete di quel giorno
    remava senza sosta:
    senza guardarsi attorno,
    lo sguardo fisso alla costa.

    Laggiù una donna lo attendea
    indossando una veste chiara.
    Sembrava quasi una dea,
    che ogni ferita ripara!

    Quando a riva fu arrivato,
    il marinaio stanco,
    perse tutto il fiato
    davanti all'angelo bianco.

    Al che in un sorriso gli disse:
    "L'isola di Itaca hai raggiunto!"
    lì dove Omero pose Ulisse,
    quando alla storia mise il punto.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ~Celeste~

      Un urlo muto

      Un giorno invocai aiuto,
      ma aiuto non mi volle.
      Lo chiamai da sopra un colle,
      anche s'era un urlo muto.

      Il mio corpo inerte e molle
      trascinai in un lungo viaggio,
      quando poi del sole un raggio
      illuminò il mio cuor folle.

      Ah, una tal dose di coraggio
      ci vuole a passare davanti
      a persone dall'aria di santi
      che ti osservano con oltraggio.

      Sembravan trascorsi infiniti istanti
      mentre scrutavo le loro facce,
      ma d'aiuto non c'erano tracce
      e a casa tornai a passi pesanti.
      Vota la poesia: Commenta