Le migliori poesie di Forugh Farrokhzad

Questo autore lo trovi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Solitudine di luna

Per tutta la notte
i grilli gridarono:
"Luna! Grande luna... "

Per tutta la notte
i rami,
braccia tese
dalle quali salivano al cielo
i sospiri sensuali
e la brezza arresa
ai decreti degli dèi misteriosi
e sconosciuti
e i mille respiri segreti
nella vita occulta della terra
e la lucciola
nel suo cerchio luminoso e vagante
e l'inquietudine sul soffitto di legno
e Laila dietro il velo
e le rane nello stagno
tutti insieme, tutti insieme
incessantemente
fino al chiarore gridarono:
"Luna! Grande luna... "

Per tutta la notte
luna
fiammeggiò sulle terrazze
Era
il cuore solitario della sua notte,
dorata e nodo in gola
stava scoppiando in lacrime.
Forugh Farrokhzad
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Saluterò di nuovo il sole

    Saluterò di nuovo il sole
    E quella corrente che in me fluiva
    e le nubi come i miei lunghi pensieri
    e la crescita dolorosa dei pioppi
    nel giardino
    che vivevano con me aride stagioni
    e gli stormi dei corvi
    che la notte mi portavano in dono
    il profumo dei campi notturni
    e mia madre, vissuta in uno specchio,
    immagine della mia vecchiaia
    e la terra
    che il desiderio di ripetermi
    riempiva il suo ventre caldo
    di verdi semi,
    saluterò di nuovo

    Vengo, vengo
    con la continuità degli odori sotterranei
    nei capelli
    con le dense esperienze dell'oscurità
    negli occhi
    con i cespugli di bosco
    colti oltre il muro

    Vengo, vengo
    e la soglia si riempie d'amore
    e io, sulla soglia
    saluterò di nuovo coloro che amano
    e la ragazza
    che ancora sta là,
    sulla soglia ricolma d'amore.
    Forugh Farrokhzad
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di