Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Violina Sirola

Cenerentola

La bimba annoda la coda
del pavone
la trama azzurra con l'ordito
d'oro, a sera nel piatto la minestra pesa
quanto vale il suo lavoro.
Primavera, voglia d'andar via:
Roma Firenze. Le lucciole sul prato
fanno via - fuoco alla paglia - e, sogna
la magia della fatina
la zucca è una carrozza tutta d'oro
galoppano i cavalli
giunta l'ora
si spegne la candela. Al buio tutte le vacche
sono nere, Cenerentola è scalza
attizza il fuoco, cerca l'azzurro
del principe
assoluto
la ruota del pavone ha l'occhio d'oro.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Violina Sirola

    Cronaca

    Racconto di popoli scalzi - ribelli, di mercanti
    di morte;
    di un bimbo nato in una carretta di mare
    la mamma travolta, stanotte;
    la brutta avventura di guerra,
    la Libia in rivolta. Elenco i sequestri
    di beni alla mafia,
    i morti per droga,
    i danni del mare, la radio sussulta
    trasmette: è buio in Giappone.

    Italia sei bella!
    sul mare c'è un vecchio
    che tira la corda, è una fune
    legata alla luna
    riflette sul mare il sorriso
    "sinistro" di un viso stirato
    - è arte -
    nasconde la faccia sua
    oscura la spesa
    del gioco
    - un azzardo - Se tira più forte si spezza la fune?
    Racconto:
    è nata una bimba in una carretta
    sul mare sorgeva l'aurora
    la luna non c'era.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Violina Sirola

      Casa Circondariale

      Vento, asciugami il sudore freddo, scivola
      sulla pelle al buio tra le sbarre di ferro.

      Non cancellare il giorno, dove la luce
      a strisce scava dentro il cervello.

      C'è l'ora d'aria, è un'aria stagnante nella Casa
      Circondariale. Raccontami Vento, raccontami i miei

      errori, che io possa espiare fuori dalle prigioni.
      Portami in cella gli odori di casa, gli schizzi di salsedine

      spumosi – bianchi – intatti. Succhiami
      a mulinello attraverso le sbarre, polvere tra le dita

      soffiami! Entrerò nella zolla davanti casa mia, dopo
      un bagno di pioggia, mi affaccerò alla vita.
      Vota la poesia: Commenta