Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Violina Sirola

Pisci frischi 'i lampari

Scuru 'ncielu scuru a mari
'nci su sulu i lampari.

Cala a rizza, tira forte
'u diavulu ni porta.

Acqua e vientu, jè tempesta
Sa' Franciscu mù l'arresta.

Cu mantiellu l'arravoglia
'u diavulu s'imbroglia.

Supra 'u mari va

la varca c'u marinaru

i lampari su' i stilli caduti a mari.

Scuru 'ncielu, scuru a mari
nu' si vidunu i marinari.

Malanova, vientu ed acqua
'u diavulu ni sracqua.

Jesce a luna – cum'è janka! 'U diavulu

si spagna; stannu i stilli 'ntra la rizza

l'ha piscati 'u marinaru

"Pisci frischi 'i lampari: vope, alìci, angiòle e
juri 'i mari".


Buio in cielo, buio a mare
ci sono, solo, le lampare.

Cala la rete, tira forte
il diavolo ci porta.

Acqua e vento, è tempesta
San Francesco ora l'arresta.

Col mantello la raccoglie
il diavolo s' imbroglia.

Sopra il mare va la barca e il marinaio, le lampare
sono le stelle cadute a mare

Buio in cielo, buio a mare
non si vedono i marinai.

Acqua e vento, brutte nuove
Il diavolo ci manda fuori.

Esce la luna – com'è bianca! Il diavolo
ha paura; sono le stelle nella rete
l'ha pescate il marinaio.

Pesci freschi di lampara: vope, alìci, angiòle e
fiori di mare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Violina Sirola

    Calabria Bella

    Come un beone, vicino a un'osteria
    barcolli avanti, brancoli nel buio.
    Bevi il vino che mesce
    la speranza, perché fede dai
    alle parole.
    Tu credi, speri e poi...
    tutto tracanni. Alzi la gamba dove
    non c'è gradino. Farmaco aneli
    da chi, nella promessa, ha chiesto e...
    ha ottenuto!

    -Lo sai?
    -Non lo sai?
    -Te lo dico:
    "Chi, per salir gradino, la mano
    tende
    dopo l'ascesa, nel culo il piede
    pianta".
    Composta nel 1969
    Vota la poesia: Commenta