Scritta da: Fiorella Cappelli

Una Carezza

Lascia che ti accarezzi il volto
accompagnando nella carezza
il ricordo di quando ero bambina
e tu accarezzavi me, rivedendo te piccolina

i folti capelli bianchi, gli occhi infossati e stanchi
ti osservo e mi si stringe il cuore
gonfio com'è d'infinito amore.

Spesso mi assale la paura che tu mi possa lasciare
ma non riesco a raggiungerti...
non riesco a tornare
ferita come sono, dopo essere stata tanto male...
e non vivo il mio tempo... e lo lascio passare
scrivendo di te, di me...
di ciò che vorrei fare.

Fammi una carezza
che mi porti la dolce brezza del
vento
che si annidi nel mio cuore ormai spento
e mi porti i ricordi di una ninna nanna
per rivedermi addormentata sul tuo petto...
ancora una volta...
mamma.
Fiorella Cappelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    Incomprensioni

    Tormentata la mente dai ricordi
    non si abbandona ad alcun perdono
    lacero il cuore sanguina

    impetuosi torrenti di parole si riversano
    nella visione di immagini passate
    che non si cancellano

    dal presente si dileguano
    speranze di tenerezze sognate
    all'apparire di incomprensioni
    che disperdono come vento del deserto

    la sabbia dei riferimenti certi
    raccolta per indicare il cammino
    nella clessidra del tempo rimasto.
    Fiorella Cappelli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Idiomi

      Se dice sempre... Roma sparita"...
      Te lo chiedi pure tu, dov'è ch'è annata?
      A me, me pare invece, risortita...
      perché 'a guardo sempre innamorata!

      Va b'èh, c'è lo smog, er traffico, li parcheggi de Rutelli...
      ma li tramonti, voi mette? So sempre belli!
      Si poi vai all'Aventino...

      ce trovi er pienone pure à le otto der matino
      perché da lì... poi da vedè la città che se sveja piano...
      e poi prenne Roma... tutta 'n mano!

      Er Tevere serpeggia cor colore 'ndefinito...
      ma lo vedi... che nun è sparito?
      Va b'èh, er biondo de 'na vorta nun c'è più...
      e ogni tanto ce casca 'na machina, laggiù

      ma quarcuno je dedica sempre 'na romantica canzone...
      e la nuova Giunta ce prova, a fallo navigà con un barcone,
      ma si per caso o pè disgrazia vai in ammollo...
      è consijabile, amico mio... tirà su er collo

      perché si bevi quella porcheria la leptospiròsi te se porta via...
      ma conserva er fascino de 'na donna austera...
      Roma, allungata dentro ar Tevere, la sera...

      Si poi te fai 'na camminata
      da Trastevere a Testaccio...
      senti parlà ancora romanaccio
      e anche se l'hanno imbastardita cò l'idiomi vari

      ce provano a diventà romani... anche l'extracomunitari...
      Così, Roma, anziché sparì... qui, se rinnova
      e a rimanè grande e eterna... sempre ce prova!
      Fiorella Cappelli
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di