Scritta da: Fiorella Cappelli

Tre Euri de Poesie

Trovato su 'n banchetto pe' la strada
'sto libbro de poesie de vecchia data
la copertina tutta 'nporverata

'na Trinità De' Monti...scolorita
l'immaggine de 'na Roma sparita
tre euri, come l'insalata fresca
tre etti de poesia...ma è romanesca!

In quà giornata 'sì tutta speciale
ce mancava, 'st'incontro casuale!
Io nun ce lo so chi è 'sto Magistrelli
ch'ha poetato 'sti versi tanto belli...

Così mentre leggevo co' attenzione
m'è sortita de fora..'n'intuizzione
m'aripetevo che n'era normale...
'st'incontro 'n po' d'esse casuale

così ho scoperto che 'sto libbro amico
datava moderno, antro che antico!
Chissà se posso contattà l'autore
ripetevo cor battito der core

poter far rivolare 'sta poesia...
la notte bianca, assieme a quella mia...
e magari daje er giusto valore
falla ascortà a chi cià ancora er core!

La poesia romanesca è la più bella
e se finisce su 'na bancarella...
c'è sempre quarcheduno che 'a riccoje
pe' falla arivolà... sopra 'na stella!
Fiorella Cappelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    A civetta sur comò

    Priopio un dì te ne sei annato
    e 'n camera m'hai lassato
    la civetta c'hai 'mpajato

    Ma dimme te io che ce fo'
    co' 'sta civetta sur comò
    che me guarda tutt'attenta
    come a dì: ce vo' pazzienza

    ce lo sai ché 'n cacciatore
    che va 'n cerca dell'amore
    co' la scusa dell'ucelli
    va' à passera e fringuelli

    e nun fa' la disperata
    viemme a dà 'na sporverata
    e poi dà retta a me, te sei sarvata
    potevi pure tu...finì 'n pajata!
    Fiorella Cappelli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Pinocchio

      Mastro Geppetto, il falegname di un noto luogo
      decise quella sera di accendere un bel fuoco!
      Mise così i ciocchi nel camino
      e con la sedia si accostò al calor vicino...
      fu così che vide quel tronco chiaro
      un ciocco, a dir poco, quasi raro!
      Diritto, come un valido soldato
      troppo bello per finir bruciato!

      E lui che si sentiva così solo, poverino...
      decise di dar vita... a un burattino!
      Prese la pialla e lo scalpello
      senza saper che stava per crear... un bel monello!
      Lo costruì un po' birichino
      tutto di legno... con un bel nasino!
      Fu così che nacque un burattino
      che assomigliava davvero ad un bambino
      vestito di tutto punto, quasi perfetto
      aveva sulla testa un giallo cappuccetto!

      Ne fece di birbe, quel monello...
      che ogni giorno trasformava in carosello!
      Aveva naso lungo e gambe corte
      e per compagni il gatto... e poi la volpe!
      Invano lo consigliava la fatina
      divenuta per lui la sua mammina
      era un continuo dir bugie...
      ne aveva pinocchio di sogni e fantasie!
      Era per Geppetto una gran pena
      tanto che finì nel ventre di una gran balena!

      Ma poi quel burattino smise di dire bugie
      e si sa, bambini, come sono le magie...
      mantenne le promesse al suo babbetto
      cosicché diventò un bimbo perfetto
      e del legno suo restò...
      soltanto un giallo cappuccetto.
      Fiorella Cappelli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiorella Cappelli

        Non darmi per scontata

        Non darmi per scontata
        non resta sempre accesa
        la brace non soffiata

        l'amore si nasconde
        nella quotidianità
        tu puoi creare onde
        di navigabilità

        restare sempre a galla
        talvolta è una fortuna
        se il cuore ha una falla
        non puoi afferrar la luna

        se è vero il sentimento
        non devi aver paura
        non è un'avventura
        che lo disperde al vento

        non darmi per scontata
        non resta sempre accesa
        la brace non soffiata.
        Fiorella Cappelli
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di