Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Fiorella Cappelli

Roma s'è persa l'ora

Noi romani, a tutte l'ore
se vantamo co'e parole
quarche vorta le storpiamo
artre vorte le mozzàmo

è'n difetto de pronuncia
che s'allarga anche'n provincia
ma è usanza assai normale
pè chi stà ne'a Capitale

Sia da soli o tra la gente
mai se semo persi gnente
noi che semo sempre onesti
e parlamo pure a gesti

- A che ora se vedemo? –
ho sentito dì sur treno...
- Se nun vado in trasferta
se vedemo a'na certa,
lì ar solito rione,
'ndo stà er bar cò l'ombrellone! -

- Ce sarò, lì'ndo stà er muro?
A'na certa, de sicuro!
Se tardamo ce s'aspetta,
a'na certa, senza fretta... -

E così tutti contenti
ce se dà l'appuntamenti
Mo me chiedo, so romana
ma'sta certa... è proprio strana

qui a'na certa se va fora
de sicuro a certa... è l'ora!
L'ora ner quadrante tonno
che da sempre gira er monno

Li regazzi cò la certa
me sa l'ora se so persa
vanno a letto cò lo sballo
a dormì se canta er gallo

pè sortì a mezzogiorno
quanno già s'è arzato er monno
se pè te la vita è sverta...
sai, pè loro... c'è la certa!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    La Speranza

    Questa vita, non va ad oltranza
    ancoràti alla speranza
    coloriamo anche il sogno
    aiutiamo chi ha bisogno

    Chi le ali ha spezzate
    le giornate frantumate
    chi non riesce più sul viso
    a stampare un gran sorriso

    Chi è legato a tante pene
    e sopporta le catene
    di dolori disumani
    e non vede più domani

    Questa vita non va ad oltranza
    ancoràti alla speranza
    coloriamo anche il sogno
    aiutiamo chi ha bisogno

    Un conforto di parole
    il calore, un po' di sole
    un pensiero che non duole
    Cuoremente, tanto amore

    Puoi guardare al futuro
    e abbattere quel muro
    scava sotto la tua scorza
    è l'union che fa la forza

    Questa vita non va ad oltranza
    ancoràti alla speranza
    coloriamo anche il sogno...
    aiutiamo chi ha bisogno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Hello, Halloween

      La vigilia d'Ognissanti
      già prepara tutti quanti
      con criterio, senza scherno
      affrontiamo il nuovo inverno

      Così Halloween è alle porte
      tra le zucche e storie morte
      streghe, zombi e vampiri
      Roma è piena di sospiri

      Gonne lunghe, cappelloni
      e dolcetti tra i più buoni
      ogni donna va sicura
      come strega, è da paura

      Serpi, topi e pipistrelli
      unghie lunghe ai polpastrelli
      ma indossando un bel sorriso
      alla sorte... fa buon viso!
      Vota la poesia: Commenta