Scritta da: Fiorella Cappelli

Portami con te

Portami con te
non è solo il mare che voglio vedere
ma nella profondità degli abissi inviolati...
gli atavici relitti dei vascelli
che giacciono in fondo al suo cuore.

Portami con te
oltre ogni confine di pensiero
nel vento delle civiltà sepolte
nei sotterranei del Gran Canyon
nelle foreste pluviali
nel corpo che senti vibrare
nell'anima che senti uscire

con te...
sulle montagne irraggiungibili
a respirare a fatica
come quando vieni al mondo
l'ossigeno della vita
a guardare l'infinito spazio intorno
negli occhi che non riescono a contenere

portami con te
nelle profondità cristalline dei ghiacciai
tra le sculture che non si sciolgono
che modellano la vita... che fermano il tempo

portami con te
nei tuoi ricordi
nell'esplorazione della tua anima
a rifornirmi della tua energia
conducimi per mano nel sapere che vorrei
nel desiderio di conoscere...
nei tuoi infiniti mondi da amare
ed io
eterea, evanescente come un'alba
verrò in un nuovo giorno
a saziarmi di te
ad inebriarmi della tua mente
a saziarmi della tua conoscenza
per farti vivere...
ancora una volta l'emozione
di tutto quello che hai nel cuore!
Fiorella Cappelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    Di vino... poetare

    Canti, profumi tra dolci colline
    Racconti divini, canali affini
    Sano buon cibo, informatica e tini...
    Internet gode di fresche cantine

    L'imprenditore non usa cartine
    Ecco proposta la carta dei vini
    Degustazioni tra parchi e giardini
    Amata Firenze, le tue cascine!

    Sommelier, nuovo e antico è il tuo sapere
    a noi decanti... aggiornamenti e cuore
    per assaporar stelle nel bicchiere

    Così s'apprende l'arte del buon bere
    trasmessa in un valore che non muore
    che è un dovere... amare e mantenere.
    Fiorella Cappelli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Quante Notti

      Quante notti senza abbracci
      le mie dita sulla pelle
      luna piena nei crepacci
      in un cielo senza stelle

      Tu vestito sol di stracci
      la mia voglia da ribelle...
      con i ghigni e i tuoi pagliacci
      tra gli amori delle ancelle

      E ti manca il mio sorriso
      il mio lato generoso
      tu che eviti il mio viso

      Non ti curi del mio cuore
      ora che non sei il mio sposo
      e non cerchi più il mio amore...
      Fiorella Cappelli
      Composta venerdì 9 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di