Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Fiorella Cappelli

FaceBook (Fesbucche)

È proprio strano quer che sta' a succede
'sta moda, amico mio me devi crede,
ha sfrattato l'amichi der muretto.
Mo er compiuter te te lo porti a letto,

te piazzi su fesbucche e "te fai vede"
e l'amicizzia la stai sempre a chiede.
Ce passi spesso tutta 'na serata
e spesso ce rimani buggiarata.

L'amico de 'na vorta era sincero
mo come fai a credeje davero?
L'amico nun è quello ritrovato
ma chi da solo... nun t'ha mai lassato!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    San Valentino

    Il giorno del quattordici febbraio
    si dice sia la festa dell'amore
    io spero che con te non sia uno sbaglio
    aver lasciato navigare il cuore

    Su questa barca io mi sento viva
    il mare della vita è una promessa
    ma non lasciarmi sola, alla deriva
    perché lo so, con te... sarò me stessa

    Ci sono tante rose nel pensiero
    le stesse che io colgo nel giardino
    d'ogni tuo sguardo quando sei sincero
    quando mi abbracci, quando sei vicino

    D'incertezze le strade sono piene
    giorno per giorno è viver l'avventura
    ogni cosa l'affronteremo insieme
    con l'amore svanisce la paura

    Rafforzeremo il nostro desiderio
    per mantenere viva la passione
    inseguiremo il sogno, no il criterio
    per fare della vita un'emozione.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Dar treno da S. Marinella a Roma

      Su le mura gialle de 'n cimitero vicino a Palidoro
      'na scritta riportava come 'ntesoro:
        MASSIMO VIVE!

      Tra li campi dè pannocchie e le chiome de li pini a faje 'n po' de scuro...
      anche dar treno 'n corsa se leggeva su quer muro, ch'appresso ar treno, coreva come 'n grido de sicuro!
      Come pè dì, te che vai lontano... guarda quì
      indove c'è massimo nostro sotterato,
      sotto 'sti pini l'avemo lasciato
      indove sti arberi che guardeno ar mare, movono le chiome ne 'la sera...
      a riportà l'ebrezza de chi più non spera...

      de quanno in moto raccojeva er vento su ' la pelle
      e faceva 'sta strada mille vorte, sotto ' e stelle!
      Forse pure quà vorta, cor sole, quanno s'è girato a guardà er mare...
      quanno che tanta bellezza l'ha tradito
      e l'ha lassato a terra, tramortito...

      'sta scritta oggi c'è pè fà vortà te, viaggiatore gioconno,
      pè arubbatte 'n pensiero profonno,
      girà la testa ar mare, e dall'antra a Massimo, che è scritto vive, ma nun è più a 'sto monno!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiorella Cappelli

        Sculture di sabbia

        La donna di sabbia, distesa, nuda
        Guardata dal mare restava muta
        Allungata, all'onda lei offriva il petto

        Senza pudore e con grande rispetto
        Poi un'onda lunga... non fece rumore
        l'accarezzò svelta e le rubò il cuore.

        La donna di sabbia lasciò l'impronta
        di un'ombra disciolta che più non conta
        rimasero intorno solo... castelli
        tra bianca spuma... un cuore a granelli.
        Vota la poesia: Commenta