Scritta da: Fiorella Cappelli

A civetta sur comò

Priopio un dì te ne sei annato
e 'n camera m'hai lassato
la civetta c'hai 'mpajato

Ma dimme te io che ce fo'
co' 'sta civetta sur comò
che me guarda tutt'attenta
come a dì: ce vo' pazzienza

ce lo sai ché 'n cacciatore
che va 'n cerca dell'amore
co' la scusa dell'ucelli
va' à passera e fringuelli

e nun fa' la disperata
viemme a dà 'na sporverata
e poi dà retta a me, te sei sarvata
potevi pure tu...finì 'n pajata!
Fiorella Cappelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    Ciao Amore

    Ciao, Amore
    Ti voglio bene, Amore.
    Ti amo, Amore
    Sei il mio Amore
    Quello che si dà senza riserve
    Che si appassiona e si commuove.
    Che raccoglie in sé una forza compatta
    Che non rassegna mai le dimissioni...
    Quello che crede e vive del suo credo
    Quello che spera e si misura con tutto e in tutto
    Amore
    In cinque lettere racchiudi il segreto della vita, dell'esistenza
    Non esisterebbe vita, senza te.
    Sofferenza, gioia, emozione... sei e colmi gli attimi di questo
    Attraverso te mi accorgo di ciò che ho intorno...
    Quando mi perdo... ti fai trovare...
    Quando ti ho... non posso mai darti per scontato...
    Presente e assente, vivi e muori in un istante...
    Sei dolce ed irruente, quando ti prendi l'anima
    Quando con il corpo giochi e con la mente ti allontani...
    Quando dormi sul cuscino del cuore e, cullato dal suo battito... scandisci il tempo.
    Quando segretamente ti nascondi... e commetti peccato.
    Quando trasgredisci e ti assolvi.
    Io ti amo Amore.
    Di un Amore immenso.
    Fiorella Cappelli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Incomprensioni

      Tormentata la mente dai ricordi
      non si abbandona ad alcun perdono
      lacero il cuore sanguina

      impetuosi torrenti di parole si riversano
      nella visione di immagini passate
      che non si cancellano

      dal presente si dileguano
      speranze di tenerezze sognate
      all'apparire di incomprensioni
      che disperdono come vento del deserto

      la sabbia dei riferimenti certi
      raccolta per indicare il cammino
      nella clessidra del tempo rimasto.
      Fiorella Cappelli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiorella Cappelli

        Buonanotte

        Buonanotte
        a chi è sveglio, a lavorare
        a chi il buio sa parlare
        Buonanotte a chi, stanco va a dormire
        ma non riesce più a sognare
        perché ha i dubbi da sfamare
        Buonanotte alla giornata
        a chi usa sogni come ponti
        per raggiungere l'amata...
        Buonanotte a cani e gatti
        che ci fanno compagnia
        ai criceti, tartarughe, conigli
        dell'allegra fattoria...
        che ridotta casa mia
        Buonanotte a te, che preghi
        ma un aiuto poi lo neghi
        Buonanotte alla speranza
        che invochiamo in abbondanza
        Se la notte arriva stanca...
        buonanotte a chi ci manca
        Buonanotte a chi ci crede
        e non perde mai la fede
        Buonanotte, alla poesia
        dolce e sveglia compagnia.
        Fiorella Cappelli
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Fiorella Cappelli

          Idiomi

          Se dice sempre... Roma sparita"...
          Te lo chiedi pure tu, dov'è ch'è annata?
          A me, me pare invece, risortita...
          perché 'a guardo sempre innamorata!

          Va b'èh, c'è lo smog, er traffico, li parcheggi de Rutelli...
          ma li tramonti, voi mette? So sempre belli!
          Si poi vai all'Aventino...

          ce trovi er pienone pure à le otto der matino
          perché da lì... poi da vedè la città che se sveja piano...
          e poi prenne Roma... tutta 'n mano!

          Er Tevere serpeggia cor colore 'ndefinito...
          ma lo vedi... che nun è sparito?
          Va b'èh, er biondo de 'na vorta nun c'è più...
          e ogni tanto ce casca 'na machina, laggiù

          ma quarcuno je dedica sempre 'na romantica canzone...
          e la nuova Giunta ce prova, a fallo navigà con un barcone,
          ma si per caso o pè disgrazia vai in ammollo...
          è consijabile, amico mio... tirà su er collo

          perché si bevi quella porcheria la leptospiròsi te se porta via...
          ma conserva er fascino de 'na donna austera...
          Roma, allungata dentro ar Tevere, la sera...

          Si poi te fai 'na camminata
          da Trastevere a Testaccio...
          senti parlà ancora romanaccio
          e anche se l'hanno imbastardita cò l'idiomi vari

          ce provano a diventà romani... anche l'extracomunitari...
          Così, Roma, anziché sparì... qui, se rinnova
          e a rimanè grande e eterna... sempre ce prova!
          Fiorella Cappelli
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di