Scritta da: Fiore1961

Vir

Unisci le tue mani,
stringile forte al cuore,
apri la tua gabbia
e lascia volare via
i tuoi sentimenti.
Non ricorrerli... vivili.
Nessuno può essere
davvero libero
se è prigioniero
dei suoi sentimenti.
Emozioni, gioie e dolori
non possono essere ingabbiate.
Non rendere l'anima esule
d'un corpo apatico
e peregrina coatta.
Scegli... vivi... odia...
sii felice... arrabbiati...
Sii finalmente un uomo.
Fioravante Francesco Di Nardo
Composta sabato 3 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiore1961

    Essere padre

    Essere padre non è difficile.
    Essere padre non è impossibile.
    Essere padre non è gravoso.
    Essere padre non è un diritto.

    Quando pensi di aver raggiunto
    il cielo con un dito,
    quando ritieni di essere
    finalmente arrivato,
    quando il successo sperato
    ti ha finalmente arriso,
    quando null'altro hai da chiedere
    che non hai mai avuto,
    solo allora capirai davvero
    cosa vuol dire essere padre.
    Fioravante Francesco Di Nardo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiore1961

      Domani

      Sogno, intriso di rabbia,
      alberghi ormai nella mia mente
      e come un leitmotiv
      ricordi al mio cuore
      la freddezza del suo agire.
      Prima ero vivo e mi nutrivo
      dell'essenza della mia frustrazione,
      ma lottavo e riempivo i vuoti
      con le mie passioni.
      Ora ascolto solo il tuo refrain
      che mi vomita addosso
      la cruda realtà che rappresenta,
      ma vorrei ancora vivere...
      Fioravante Francesco Di Nardo
      Composta martedì 4 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiore1961
        Il mio pensiero si ferma spesso sulla soglia della coscienza, che è dura da attraversare.
        A volte aspetto solo di ascoltarne la voce, che non sempre si fa sentire.
        Le mie recriminazioni sono forse figlie apocrife di una realtà virtuale, che si bea della sua sicurezza.
        Non raccolgo foglie e fiori di assenzio per farne bevanda che possa farmi perdere la testa nei momenti che contano.
        Ed è così che invece ascolto, ascolto e ascolto tutto il nulla che riesco a sentire.
        Fioravante Francesco Di Nardo
        Composta mercoledì 21 aprile 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di