Poesie di Filomena Di Paola

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Come nel sorriso di un dio

E forse tu lo sai,
sai che macchiano il cuore
i voli delle rondini
di desideri giovani
come nel sorriso di un dio
ed i silenzi
nel rosso della membrana
infilzano ricordi.
Spettro solitario
il tempo avanza
da tombe antiche
e sommessamente ride
di noi e dei nostri piccoli
occhi brucianti,
sparsi tra la  cenere,
ubriachi ed insaziabili.
Filomena Di Paola
Composta martedì 31 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta

    E, tuttavia riluttante

    Non esiste
    una misura d'amare
    ma la fiera belva che tace
    altro non cerca.
    La sola è quella
    che traccia il compasso
    in pulsazioni di vita
    a scardinare monotonie
    e a strapazzare rive placide.
    Non si aspetta da te
    che l'universo si orizzonti
    in altra prospettiva
    o che scivoli come acqua
    sulla pietra nuda.
    Ho volato senza ali
    sapevo del cielo e dei suoi
    vuoti, ho imparato
    a giostrarli, funambola,
    senza armi,
    in un circo di ipocriti.
    Filomena Di Paola
    Composta venerdì 9 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta

      Voci di una notte d'ottobre

      È finita ingoiata dalla notte
      e dal suo silenzio
      anche l'ultima voce
      della vecchia che ululava
      alla luna
      nel suo linguaggio indecifrabile
      condito di auto e bestemmie notturne.
      Ingoiata come i netturbini
      che riempiono le strade
      alle stesse ore, rumorosi
      ed indifferenti
      alla città dormiente
      accucciata dietro ai vetri.
      Filomena Di Paola
      Composta giovedì 11 ottobre 2007
      Vota la poesia: Commenta

        Montagne alte d'acqua

        Mano bruciante nella penombra
        vibrante vuoto senza tregua
        sguardo argentino di vela
        rapida, la mia malinconia
        d'uccello. Volo a sospingere
        lontano se rugiada splende
        al mattino tra cespugli
        affacciati sull'immoto Pireo.

        È pur sempre prigione qui
        tra montagne alte d'acqua,
        pellegrina verso sabbie
        che ancora non conosco
        e tu non odi, non sai gli acuti
        pianti di orizzonte azzurro
        su me che viaggio ancora.
        Filomena Di Paola
        Composta giovedì 31 marzo 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di