Scritta da: Fidanka Kostadinova

La saetta

Il cielo sempre più scuro,
silenzio, animali agitati,
vento leggero, rumore casuale,
sguardi incrociati, brutta sensazione,
saetta grande inaspettata,
silenzio, un attimo,
e... tono,
che ferma la vita per un istante,
paura, agitazione,
solitudine tremenda,
pentimento dentro,
disorientamento,
è la natura che comanda,
la anima è piegata a dieci,
solo se passa questa tempesta,
promette che diventerà più modesta!

Seconda saetta illumina il cielo,
silenzio, prometto, prometto...
O Dio... aiuto!
Tono più forte di prima!
E si è liberata la pioggia,
in un attimo si è scaricata la tensione,
score acqua da per tutto,
porta ogni incertezza,
lava e rinnova ogni cosa,
dentro e fuori siamo liberati,
dalla sporcizia e di pensieri.

Che paura!
È finita questa avventura,
è sorriso di nuovo il Sole,
siamo molto più belli adesso.
Beata la natura!
Fidanka Kostadinova
Composta giovedì 6 marzo 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fidanka Kostadinova

    Lunedì

    Rumore di musica,
    musica di rumori,
    il corpo pesante,
    destra, sinistra,
    avanti, indietro,
    due tavole pronte per poker,
    i giocatori assenti,
    un spazio nuovo,
    fatto tutto di legno,
    accogliente?... "may be!"

    Lunedì sera,
    vuota di divertimenti,
    mezzanotte - jazz, Facebook,
    partite calcio registrate,
    mobili morbidi, futuristici,
    caldo di record per autunno,
    diversi colori, diverse razze,
    diversa età e jazz francese,
    quartiere nero di Parigi,
    tra due stazioni ferroviarie,
    una isola protetta,
    una bolla di sapone
    tra due partenze!

    Amici di vecchia data nascosti,
    si sono svegliati improvvisamente,
    si sono uniti,
    la dimensione è cambiata,
    bastava essere presente
    nella città senza tempo....
    Fidanka Kostadinova
    Composta venerdì 11 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fidanka Kostadinova

      Il pomodoro

      Ho prodotto un pomodoro,
      ho usato la sapienza da sempre,
      lo lavorato la piccola terra,
      ho coltivato il seme, la pianta,
      l'ha curata con amore,
      ho aspettato con pazienza la crescita sua.
      È spuntato piccolo e verde,
      è cresciuto ogni giorno,
      è diventato grande,
      è maturato,
      già rosso e pronto,
      mi è riuscito perfettamente,
      il pomodoro,
      dalla prima prova!

      Ver venderlo, che devo fare?

      Che cosa hai studiato?
      Quanto tonnellate di pomodori hai coltivato?
      Con chi ti sei associato?
      Conosci i distributori adatti?
      Non è possibile di riuscire uno
      da prima prova senza esperienza!

      Ma se la mia creazione è un'opera d'arte,
      se ho messo la mia esperienza personale,
      se ho usato le saggezze dei tempi passati,
      non è un successo meritato!?

      Non sono graditi eventi casuali,
      solo sistemi completi e provati,
      solo appoggiati, solo invecchiati!

      Ma se sono morti? Che dite?

      Chi lo dice!?
      Uno che ha prodotto un pomodoro una volta?
      Inizia produrre per lungo tempo,
      porta le delusioni, i compromessi,
      passa stagioni non produttivi,
      malattie, perdite, furti,
      documenti, tasse, percentuali,
      così vedrai al fine,
      quanto voglia ti è rimasta,
      di produrre no solo pomodori,
      qualsiasi altra cosa!
      Fidanka Kostadinova
      Composta lunedì 2 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di