Scritta da: Desafinado64

Quem sonha mais?

Chi sogna di più, mi dirai —
Colui che vede il mondo convenuto
O chi si perse in sogni?

Che cosa è vero? Cosa sarà di più—
La bugia che c'è nella realtà
O la bugia che si trova nei sogni?

Chi è più distante dalla verità —
Chi vede la verità in ombra
O chi vede il sogno illuminato?

La persona che è un buon commensale, o questa?
Quella che si sente un estraneo nella festa?
Fernando Pessoa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: mor-joy

    Nulla

    Gli angeli vennero a cercarla
    la trovarono al mio fianco,
    lì dove le sue ali l'avevano guidata.
    Gli angeli vennero per portarla via.
    Aveva lasciato la loro casa,
    il loro giorno più chiaro
    ed era venuta ad abitare presso di me.
    Mi amava perché l'amore
    ama solo le cose imperfette.
    Gli angeli vennero dall'alto
    e la portarono via da me.
    Se la portarono via per sempre
    tra le ali luminose.
    È vero che era la loro sorella
    e così vicina a Dio come loro.
    Ma mi amava perché
    il mio cuore non aveva una sorella.
    Se la portarono via,
    ed è tutto quel che accadde.
    Fernando Pessoa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Desafinado64

      Teu nome ignoro. Teu perfil deslembro

      Teu nome ignoro. Teu perfil deslembro.
      Tuas palavras esqueci.
      Era manhã, nevoeiro, era Dezembro,
      Quando te achei e te perdi.
      Sonho ou relembro?

      Não sei. Era manhã e o nevoeiro
      Envolvia o que havia e o que eu pensava,
      Como um falso refúgio derradeiro
      Do que em parte nenhuma estava.
      Sonho, prolixo e inteiro,

      Mas se, nas teclas tua mão errar,
      Assim, despida de ser tua, sei
      Que talvez poderia achar
      Entre o que não pude encontrar
      Aquilo que não acharei.

      Il tuo nome ignoro. Il tuo profilo non ricordo.
      Le tue parole dimenticai.
      Era mattina, nebbia, era Dicembre,
      Quando ti trovai e ti persi.
      Sogno o rammento?

      Non so. Era mattina e la nebbia
      Nascondeva quello che c'era e quello che pensavo
      Come un falso estremo rifugio
      In nessuna parte del quale io stavo.
      Sogno, prolisso e intero,

      Ma, se tra i tasti la tua mano vagasse,
      Così, spogliata dell'esser tua, io so
      Che forse potrei trovare
      Tra quello che non ho potuto incontrare
      Quello che non troverò.
      Fernando Pessoa
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di