Scritta da: Silvana Stremiz

Demogorgone

Nella strada piena di sole vago ci sono case immobili e gente che cammina.
Una tristezza piena di terrore mi gela.
Presento un avvenimento dall'altra parte delle frontiere e dei movimenti.

No, no, questo no!
Tutto, salvo sapere cos'è il Mistero!
Superficie dell'Universo, oh Palpebre Calate,
non vi sollevate mai!
Deve essere insopportabile lo sguardo della Verità Finale!

Lasciatemi vivere senza sapere niente, e morire senza venire a sapere niente!
La ragione che ci sia essere, che ci siano esseri, che ci sia tutto,
deve portare a una follia più grande degli spazi
fra le anime e le stelle.

No, non la verità! Lasciatemi queste case, questa gente,
proprio così, senza nient'altro, solo queste case e questa gente...
Quale alito orribile e freddo mi tocca gli occhi chiusi?
Non li voglio aprire per il vivere! Oh Verità, scordati di me!
Fernando Pessoa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ma Na
    Se io, ancor che nessuno,
    potessi avere sul volto
    quel lampo fugace
    che quegli alberi hanno,
    avrei quella gioia
    delle cose al di fuori,
    perché la gioia è dell'attimo;
    dispare col sole che gela.
    Qualunque cosa m'avrebbe meglio
    giovato della vita che vivo -
    vivere questa vita di estraneo
    che da lui, dal sole, mi era venuta!
    Viaggiare! Perdere paesi!
    Essere altro costantemente,
    non avere radici, per l'anima,
    da vivere soltanto di vedere!
    Neanche a me appartenere!
    Andare avanti, andare dietro
    l'assenza di avere un fine,
    e l'ansia di conseguirlo!
    Viaggiare così è viaggio.
    Ma lo faccio e non ho di mio
    più del sogno del passaggio.
    Il resto è solo terra e cielo.
    Fernando Pessoa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Eclissi
      Il mio sguardo è nitido come un girasole.
      Ho l'abitudine di camminare per le strade
      guardando a destra e a sinistra
      e talvolta guardando dietro di me...
      E ciò che vedo a ogni momento
      è ciò che non avevo mai visto prima,
      e so accorgermene molto bene.
      So avere lo stupore essenziale
      che avrebbe un bambino se, nel nascere,
      si accorgesse che è nato davvero...
      Mi sento nascere a ogni momento
      per l'eterna novità del Mondo...

      Credo al mondo come a una margherita,
      perché lo vedo. Ma non penso ad esso,
      perché pensare è non capire...
      Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui,
      (pensare è un'infermità degli occhi)
      ma per guardarlo ed essere in armonia con esso...

      Io non ho filosofia: ho sensi.
      Se parlo della Natura, non è perché sappia ciò che è,
      ma perché l'amo, e l'amo per questo
      perché chi ama non sa mai quello che ama,
      né sa perché ama, né cosa sia amare...

      Amare è l'eterna innocenza,
      e l'unica innocenza è non pensare...
      Fernando Pessoa
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di