Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Federico Valente

Cronaca dell'ordinario

Dove va la mia mente che ruba e rumina?
ultimamente si illumina.
la luce mi fulmina,
se tornerà la fine sarà l'ultima.

Dove vaga il mio io?
l'ès scalcia, che dio taccia.
super io, voce che mi delude:
addio! si chiude! sarò io super!

Dove va il mio corpo che vaga arreso?
ogni mio cambio di percezione l'ha steso.
questo nuovo potere dove l'ha preso?
la forza si rigenera dall'inatteso.

Dove vaga il mio viaggiare?
Forse solo una volta giunto,
scoprirò dove dovevo andare.
Punto.
Vota la poesia: Commenta